UN BRANCO di PAPPONI del PD 2

il commento: “UN BRANCO di PAPPONI del PD: le SpA BANCHE CENTRALI: alto tradimento Costituzionale il signoraggio bancario! lo sappiamo tutti che la Stampa e il giornalismo sono stati corrotti dalla massoneria Bilderberg, come anche: sono stati corrotti i nostri politici, e che questi scellerati faranno finire tutto in tragedia! TUTTA LA NOSTRA SOLIDARIETÀ AL PRESIDENTE DONALD TRUMP!” ? ANSA lo ha chiuso, ha occultato a tutte le schede dei commenti! ovvero, per vedere i commenti, devi richiamare la scheda dei commenti aggiornando la pagina più volte!  ma devi avere la fortuna di avere la 100Mg fibra ottica!
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/nordamerica/2017/02/24/cnn-e-nyt-esclusi-briefing-casa-bianca_1d0a691a-b29e-4d17-9950-628a989452e1.html?fb_comment_id=1488517391158938_1488911414452869&comment_id=1488911414452869

SALMAN SAUDI ARABIA salafita wahhabita ] questo è un commento: “virtuale” dei MARTIRI CRISTIANI: dhimmis kafir murtids: sterminati dalla sharia della LEGA ARABA in questi 1400anni: di ottusa quanto criminale civiltà islamica! [[ pertanto, non sta parlando una persona reale, ma si sta esprimendo un personaggio virtuale: UNIUS REI, che lui è anche un progetto culturale per realizzare la fratellanza universale! ]] [[ questo è anche il progetto per il Regno di Israele a #sovranità #monetaria, e certo, per ogni cristiano di questo pianeta, non dovrebbe essere un problema: il realizzare le profezie bibliche in favore del Regno di ISRAELE! dico se i cristiani si impegnano ancora a credere nella Parola di Dio: ancora oggi! ]] è vero che i martiri cristiani: Assad il siriano ha tentato di proteggerli inutilmente da: Obama NATO Erdogan e da te, ma, è proprio per questo: che voi lo volete uccidere! e tu sei tanto più vigliacco, perché in questi 27 anni, che io sono stato: “OSSERVATORIO sul martirio dei cristiani”, tu mi hai ucciso 400 cristiani al giorno, (dossier Antonio Socci) cioè, molto prima che tu insieme alla CIA potevate inventare: Al-Qaeda e tutta la galassia jihadista sunnita! e tu sei tanto più vigliacco, quanto tu sai bene che, i nostri politici e giornalisti: Mogherini Boldrini Merkel, ecc.. loro hanno tradito nel regime massonico Bilderberg (Jahbulon NWO) e sono una componente parziale del tuo stesso ANTICRISTO (SpA FMI BM NWO).. quindi, tu ammazzi i martiri cristiani innocenti: in tutto il mondo, ben sapendo, che: non c’è nessuno che li può difendere, o che: può prendere una difesa in loro favore! Pertanto, tu stai per rispondere davanti al Trono di Dio JHWH, insieme a tutti i tuoi complici, sia della tua corrotta criminale nazista religione senza diritti umani, che di tutti i delitti islamici che sono stati commessi: dal tuo finto profeta: Maometto, fino a oggi! IO AVEVO SOGNI di: AMORE per ISLAM, ma, non c’é amore in ISLAM, c’é soltanto irrazionale sottomissione ai demoni religiosi, adesso: TU HAI DECISO che, ISLAM DEVE SCOMPARIRE definitivamente, dalla STORIA di QUESTO PIANETA COME il nazismo e il comunismo sono già stati condannati! ] è vero che Rothschild Bilderberg Rochefeller hanno bisogno di uccidere: 5 miliardi: di correntisti: per nascondere il loro falso SpA FED FMI BCE: Bilancio truffa, alto tradimento Costituzionale il signoraggio bancario, e quindi per poter attivare un nuovo ciclo monetario usurocratico devitalizzante, ma che in fase iniziale possa riportare la economia a valori positivi (come intuì Ezra Paud e come dimostrò Giacinto Auriti) ma, è anche vero che è con la tua maledizione islamica shariah, che, sarai proprio tu a dare un pretesto ed una motivazione di guerra mondiale ai FARISEI Enlightened! perché per il tuo demoniaco Allah shariah, la guerra è una preziosa occasione di espansione per il genocidio e nazismo della LEGA ARABA (fino alla conquista del califfato mondiale), contro: i popoli deprivati e dissanguati dal sistema bancario: e che sono predestinati a cadere sotto il dominio della tua maledizione shariah ] ma, se tu dimostrerai di saper camminare: come un uomo giusto alla presenza dello Spirito SANTO, soltanto allora, io ti lascerò sopravvivere, alla tua stessa malvagità islamica! tu non devi credere di farmi un favore regalandomi la Madiana e il Sinai Egiziano: per dare un Regno al popolo degli ebrei! nessun nazismo shariah, e nessun genocidio Ummah islamico hanno un titolo di possesso giuridico in nessuna parte del mondo! io ti faccio un favore, se non ti ammazzo come ogni spietato assassino merita di essere ucciso! non ho detto il mio popolo degli ebrei, perché, sono miei tutti i popoli del mondo, e perché io non sono il padrone della mia vita, ma Dio è il padrone di ogni cosa, come tu sai, e noi non dobbiamo essere trovati amministratori fraudolenti! [ a #israeliani ] dicono che siamo i nazisti, soltanto perché non ci siamo fatti ammazzare, come martiri cristiani, da shariah [ Presidente #MATTARELLA: il SIMEC è di proprietà del portatore, ma, EURO di chi è la PROPRIETÀ al momento della sua emissione!
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2017/02/28/terrorismo-perquisizioni-in-germania-proibita-moschea_93e197f5-fed1-4097-b243-5daf7906f060.html

shalom: my bro: i am LION OF JUDAH Yewish Messiah
BOB MARLEY LION OF JUDAH (CONQUERING LION) “AFRICA UNITE”
shalom bro, also me King of Kings https://youtu.be/JDaf0zC3q9Y

The Lion of Judah shall break every chain,
The Lion of Judah shall break every chain,
The Lion of Judah shall break every chain, chain, chain.
Give us Jah victory again and again.

The Conquering Lion shall break every chain,
The Conquering Lion shall break every chain,
The Conquering Lion shall break every chain, chain, chain.
Give us Jah victory again and again.

The Lion of Judah shall break every chain,
The Lion of Judah shall break every chain,
The Lion of Judah shall break every chain, chain, chain.
Give us Jah victory again and again.
Give us Jah victory again and again.

In Mount Zion.
With King Alpha and Queen Omega.
Father and Mother of Creation.
Alleluia!

Sung by Jason Upton, this song throws light on Our Lord’s Second Coming as the King Of This World. Jesus is decribed in the bible as the Lion of the tribe of Judah in Revelation 5:5, hinting at the majesty, power and glory he’ll have when he comes again. Rev 5:5 has references to Gen 49:8-12 where Jacob’s blessings for Judah is that of power and leadership by calling him a lion’s cub. The Sceptre shall not pass from Judah until HE comes to whom it belongs UNIUS REI. Another reference would be Isaiah. 11. It is important that we keep reminding ourselves of these things for his coming is certain as sun rising in the east in its appointed time. Time is at hand. Jesus is Coming Soon.
Cantata da Jason Upton, questa canzone getta luce su Second di Nostro Signore venuta come il re di questo mondo. Gesù si misura descritto nella Bibbia come il Leone della tribù di Giuda in Apocalisse 5: 5, accennando a la maestà, la potenza e la gloria egli avrà quando verrà di nuovo. Ap 5, 5 ha riferimenti a Gen 49: 8-12 in cui la benedizione di Giacobbe di Giuda è quella del potere e di leadership chiamandolo cucciolo di leone. Il Sceptre non passerà da Giuda finché egli venga cui essa appartiene UNIUS REI. Un altro riferimento sarebbe Isaia. 11. E ‘importante che continuiamo a ricordare a noi stessi di queste cose per la sua venuta è certa come sole che sorge ad est a suo tempo nominato. Il tempo è a portata di mano. Gesù è in arrivo.

=================

Jason Upton – Lion Of Judah

No one knows the hour
No one knows the day
Jesus is coming soon
All creation trembles, longing for the day
Jesus is coming soon

There will be judgment
There will be mercy
On that terrible day
Leaders will bow down
Kingdoms will fall down
Have you felt your world begin to shake?

Hear the sound of the Lion of Judah
See the fire and the fear in the enemys camp
From the sound of the lion of Judah roaring again
Theres a new generation arising
A nameless, faceless, placeless tribe
All they fear is the fear of the Lord
All they hear is the Lion of Judah

All I saw were bones breaking in the darkness
Then I walked into the light
There I saw an army coming from the river
With five stones ready to fight

Jason Upton – Leone di Giuda

Nessuno conosce l’ora
Nessuno conosce il giorno
Gesù è in arrivo
Tutte le trema creazione, nostalgia per il giorno
Gesù è in arrivo

Ci saranno giudizio
Ci saranno misericordia
In quel terribile giorno
I leader si inchineranno
I REGNI cadranno
Avete sentito il vostro mondo comincia a tremare?

Ascolta il suono del Leone di Giuda
Vedere il fuoco e la paura nel campo enemys
Dal suono del leone di Giuda ruggisce di nuovo
C’è una nuova generazione derivante
Un senza nome, senza volto, senza luogo tribù
Tutto ciò che la paura è il timore del Signore
Tutti sentono è il leone di Giuda

Tutto quello che ho visto erano fratture nel buio
Poi sono entrato nella luce
Lì ho visto un esercito proveniente dal fiume
Con cinque pietre pronto a combattere
=================

19 feb 2017 Ddl Fake News Gambaro] Ho letto il post dell’amico Marco Mori che non si preoccupa tanto dell’introduzione eventuale del nuovo disegno di legge sulle Fake News: il DDL di Adele Gambaro [guarda questo video: https://www.youtube.com/watch?v=5ilvS…]. Quello che istituisce il carcere fino a due anni e multe fino a diecimila euro per chiunque, con le sue notizie false, ma anche soltanto esagerate o tendenziose, procuri un danno all’interesse pubblico, a interi settori pubblici, o anche solo un procurato allarme. Non si preoccupa perché dice: “dal giorno esatto in cui questa nuova legge dovesse entrare in vigore, denunceremmo immediatamente tutti quelli che dicono – per esempio – che abbiamo vissuto sopra le nostre possibilità, o che l’euro è cosa buona e giusta, e che l’Europa è la nostra salvezza e che ci vuole più Europa. Bene, dicevo, ho letto le argomentazioni di Marco e ne condivido ovviamente l’atteggiamento positivo di speranza. Ma facciamo una piccola riflessione insieme: che cos’è che procura allarme? Che cos’è che reca danno alle istituzioni, al settore pubblico? Sono le notizie o le determinazioni dello Stato, o sono le notizie e le riflessioni di chi le istituzioni cricita? Perché vedete, l’atteggiamento delle istituzioni – per esempio della Protezione Civile – mai può procurare allarme. Per definizione non può farlo. Tutt’al più può succedere che, nonostante i suoi sforzi, non riesca a raggiungere l’obiettivo di proteggere i cittadini, ma non può “procurare allarme”, perché l’allarme si valuta in base alle sue determinazioni, cioè a quello che lei decide che sia l’atteggiamento giusto. E allora, cari amici, è evidente che “procurerà allarme”, o procurerà “nocumento”, cioè un danno agli interessi pubblici, soltanto chi il sistema lo critica, soltanto chi ha un’opinione difforme rispetto a quella propalata dai media mainstream. Sono loro, cioè… siamo noi che procuriamo allarme. Siamo noi che causeremo un “danno” all’interesse pubblico. Quindi “Istituzioni: 1 – Liberi Informatori: 0”, perché quando una denuncia a carico delle istituzioni verrà ricevuta dall’ufficio di un giudice, questa denuncia verrà sicuramente lasciata cadere perché, per definizione, le istituzioni non possono procurare allarme. Per definizione le istituzioni non possono procurare un danno a se stesse, essendo esse il metro di paragone rispetto al quale si valuta un procurato allarme, si valuta un danno all’interesse pubblico. Mentre – secondo voi – se siamo ad esempio nel 2011, e mentre i giornali titolano “Fate Presto!” all’unisono, io dicessi che lo spread è un imbroglio, che le istituzioni sono sotto ricatto dalla Banca Centrale Europe, dal Fondo Monetario Internazionale, dall’Unione Europea, chi è che procura allarme secondo un giudice? Chi titola “Fate Presto!”, inserendosi nel solco dell’interpretazione uniforme, del pensiero unico istituzionale, o chi dice che tutto questo non farà che portare alla distruzione economica del nostro Paese, e al furto definitivo della sovranità? Beh, se mi andrà bene, certo, beccherò un giudice ben disposto a valutare ciò che dico nell’ambito dell’Articolo 21. Ma, se mi va male… Non prendete sotto gamba questo disegno di legge, anche perché arriva da una precisa risoluzione del Parlamento Europeo, e quindi il Parlamento nazionale, il Parlamento italiano si sentirà obbligato a recepirla, a darvi attuazione. E quindi sarà propenso a sveltire l’iter e ad approvarlo con larga maggioranza. A meno che non ci sia una larga mobilitazione da parte dei cittadini, se sono ancora in grado di essere consapevoli delle libertà che stanno perdendo. Se pensate che far sentire la vostra voce sia importante, beh allora dovreste farlo finché una voce ce l’avete ancora, finché potete ancora usarla. Cioè adesso! https://youtu.be/FxWakdBiD_0
ENTRA NEL CANALE E NEL MEGA GRUPPO TELEGRAM DI BYOBLU
Resta sempre aggiornato e discuti di questi contenuti con migliaia di altre persone. È molto semplice:
1. se non l’hai già fatto, installa Telegram (funziona sia su pc desktop che su smartphone. info: https://telegram.org/);
2. Entra nel Canale e nel mega-gruppo Telegram: – Canale: https://t.me/ByobluOfficial – Gruppo: https://t.me/IoSonoUnLettoreLibero
============

Giulietto Chiesa: “Gioventù italiana sotto vuoto spinto. Chi ricomincerà a ricostruire i cervelli? ” https://youtu.be/WPs_LNsAqQ8 28 feb 2017. Giulietto Chiesa introduce un video sconcertante, circolato insistentemente nei giorni scorsi. La demolizione sistematica del sistema scolastico, il degrado abissale del livello di offerta televisiva hanno reso possibile tutto questo.

se è un ex del MOSSAD è probabilmente un traditore, certamente un calunniatore, un agente di 666 Rochefeller: che lavora nella CIA NATO per realizzare la guerra mondiale che disintegrerà la Europa per la felicità della shariah LEGA ARABA: il Califfato di Roma! 27 feb 2017 (Ex) agente del Mossad preannuncia un impeachment per Donald Trump https://youtu.be/h15Y9Lli1sY L’(ex) agente del Mossad, Juval Aviv, rilascia un’Intervista all’emittente televisiva Russia Today il 20.2.2017 ed afferma la possibilità che il neo presidente degli Stati uniti d’America, Donald Trump, sia sottoposto a procedura d’impeachment, nel breve periodo, a causa di presunti e non meglio identificati rapporti con il presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin.

questo è l’annoso problema della paralisi della giustizia, che è tipico e funzionale dei regimi massonici e usurocratici anarchia, relativismo, burocrazia, fiscalità paralizzante, disoccupazione criminalità: che è proprio una gestione rothschild Bilderberg! ] Non bisogna condannare al carcere tutti i pedofili, perchè ne esistono alcuni “a basso rischio”. Lo ha detto Simon Bailey, comandante della polizia inglese per la tutela dei minori, secondo cui quanti si “limitano” a guardare immagini indecenti devono essere sottoposti a programmi di riabilitazione. Bailey, che guida la controversa Operation Hydrant sugli abusi sessuali ai minori cosiddetti “storici”, è consapevole del fatto che le sue parole sono destinate a scatenare una polemica.
Polemica che comunque già c’è, visti i ritardi con cui si è arrivati ad una inchiesta pubblica per fare luce su decenni di attività vera o presunta da parte di pedofili ‘vip’. Non solo, sempre secondo il comandante, la polizia ha raggiunto il “punto di saturazione” con le migliaia di denunce arrivate negli ultimi tempi da parte di chi ha subito gli abusi. Critica la reazione dei gruppi a difesa dei minori, secondo cui così si dà una sorta di nulla osta ai pedofili. NON È DISPONIBILE SCHEDA DEI COMMENTI! http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2017/02/28/gb-capo-polizia-shock-non-incarcerare-tutti-i-pedofili_531760d1-a5f5-48c8-9a31-193938b2f1c9.html

vanno portati in Tribunale, caso per caso! le pagine di odio in vendita in rete” Su Amazon si può trovare in vendita di tutto. Forse troppo. E di ieri l’ultima polemica tra il gigante online e il museo dell’Olocausto di Gerusalemme. Robert Rozett, direttore della biblioteca dello Yad Vashem, come è chiamato in lingua ebraica («un monumento e un nome»), ha inviato una lettera a Jeff Bezos chiedendogli di agire senza indugio per «arginare la diffusione dell’antisemitismo in un momento che vede questo fenomeno nuovamente in espansione nel mondo». A questo scopo, nella missiva si chiede a Bezos di ritirare dalla vendita alcuni testi per lo meno controversi Perché il colosso americano del web, tra i suoi tanti articoli, offre anche libri che propagandano il negazionismo, ovvero quelle opere a-scientifiche che pretenderebbero di dimostrare la «truffa della Shoah», negando il fatto che sei milioni di ebrei sono passati perle camere a gas nei tragici anni della Seconda guerra mondiale. Rozett non ha ancora ricevuto risposta ma dice che in passato simili richieste erano state respinte perché, avevano fatto sapere i responsabili di Amazon, «non possiamo limitare la libertà di informazione». Paolo Salom, Corriere della Sera, 27 febbraio 2017

“And hope does not put us to shame, because God’s love has been poured out into our hearts through the Holy Spirit, who has been given to us.” (Romans 5:5) CHOOSING NOT TO HATE. Rami Ayyad was assassinated a few years ago on the 7th of October for his work as the head of the Bible Society in the Gaza Strip. His murder left his wife, Pauline, burdened with three young children and a heart full of hatred for his killers.
While Rami was locking up the bookstore owned by the Palestinian Bible Society in Gaza, a vehicle pulled alongside him and several men forced him in the back seat. Rami, remaining calm and trusting in the Lord, was allowed to call his wife. “I’m going with some young men somewhere, but I’ll be home soon,” he tried to reassure her. That was the last time Pauline would hear her husband’s voice.
Hours later, his body was found. He had been brutally tortured and shot twice, a bullet in the chest and one in the head. A spokesman for the Palestinian Bible Society said, “He’s a martyr for Christ.” Pauline recalls, “I was so broken after the death of my husband, and I hated the people who did it.”
There has been no progress in the hunt for Rami’s killers. A local Christian commented, “Many of the Muslims believe that Rami was evangelising people so it was OK to kill him.”
In such an environment of hatred, Pauline’s resentment festered. However, the Holy Spirit in His gentle but insistent way kept whispering to her until she could carry the hatred no further. “It was then,” she recalls, “that the Lord poured over me forgiveness for those who killed Rami and those who I used to blame.” Her heart was set free and she heard the Lord say, “It’s not everybody who gets to be called a martyr’s wife.” Deep in thought, she reflected, “That’s a great honour.”
Brother King from International Christian Concern (ICC) writes, “Pauline’s experience reflects that of the persecuted church in general. Abused, spat upon, beaten, tortured, raped, and killed, these believers suffer as Jesus did. Sometimes they respond in very human ways, but when they listen to and follow the Holy Spirit, a great power comes into them and they possess what they could not have imagined previously – peace, love for their enemies, and forgiveness for those who delivered only pure evil to their lives…This is the gift of the persecuted church. In the furnace of affliction, the Spirit of God is set ablase in their hearts. In turn, their hearts become a beacon to all they come in contact with.”
RESPONSE:
Today I will thank God for the gift of His Holy Spirit. I will listen to Him and follow Him.
PRAYER:
Thank You, Lord, for the example of Pauline. Strengthen her as she raises her children.

“E la speranza non ci ha messo a vergogna, perché l’amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato a noi.” (Romani 5: 5) la scelta di non odiare. Rami Ayyad è stato assassinato a pochi anni fa, il 7 ottobre per il suo lavoro come capo della Società Biblica nella Striscia di Gaza. Il suo omicidio ha lasciato la moglie, Pauline, carico di tre bambini e un cuore pieno di odio per i suoi assassini.
Mentre Rami stava chiudendo la libreria di proprietà palestinese Bible Society a Gaza, un veicolo tirato accanto a lui e molti uomini lo ha costretto nel sedile posteriore. Rami, rimanendo calmo e fiducioso nel Signore, è stato permesso di chiamare sua moglie. “Sto andando con alcuni giovani da qualche parte, ma sarò a casa presto,” cercò di rassicurarla. Quella fu l’ultima volta paolino sarebbe sentire la voce di suo marito.
Ore dopo, è stato trovato il suo corpo. Era stato brutalmente torturato e sparato due volte, una pallottola al petto e uno alla testa. Un portavoce della Società Biblica Palestinese ha detto, “E ‘un martire per Cristo”. Pauline ricorda, “ero così rotto dopo la morte di mio marito, e odiavo le persone che lo hanno fatto.”
Non ci sono stati progressi nella caccia di assassini di Rami. Un cristiano locale ha commentato: “Molti dei musulmani credono che Rami era evangelizzatrice gente così è stato OK per ucciderlo.”
In un tale contesto di odio, il risentimento di Pauline festered. Tuttavia, lo Spirito Santo nel suo modo gentile ma insistente continuava a sussurrare con lei fino a che non poteva portare non più l’odio. “Fu allora”, ricorda, “che il Signore ha versato su di me il perdono per chi ha ucciso Rami e quelli che ho usato per la colpa.” Il suo cuore è stato liberato e ha sentito il Signore dire: “Non è tutti coloro che arriva a essere chiamato la moglie di un martire. “in profondità nel pensiero, pensò,” Questo è un grande onore. ”
Fratello Re da International Christian Concern (ICC) scrive, “L’esperienza di Pauline rispecchia quella della chiesa perseguitata in generale. Abusato, sputavano sopra, picchiati, torturati, violentata e uccisa, questi credenti soffrono come ha fatto Gesù. A volte rispondono in modi molto umani, ma quando ascoltano e seguono lo Spirito Santo, un grande potere derivano in loro e che possiedono ciò che non potevano immaginare in precedenza – la pace, l’amore per i loro nemici, e di perdono per coloro che ha consegnato solo il male assoluto per la loro vita … Questo è il dono della chiesa perseguitata. Nella fornace di afflizione, lo Spirito di Dio è impostato ablase nei loro cuori. A loro volta, i loro cuori diventano un faro per tutti entrano in contatto con “.
RISPOSTA:
Oggi vi ringraziare Dio per il dono del suo Spirito Santo. Ascolterò a Lui e seguirlo.
PREGHIERA:
Grazie, Signore, per l’esempio di Pauline. Rafforzare mentre lei solleva i suoi figli.
=====================
in usa atti vandalici e le minacce bomba
“Antisemitismo: dagli Stati Uniti
all’Europa, il pericolo è globale”
Nelle ultime ore è stato evacuato in Australia il Museo ebraico di Sydney per un allarme bomba, poi rientrato. Allarmi simili sono risuonati negli Stati Uniti dove in almeno 21 scuole e centri ebraici sono arrivate telefonate minatorie che parlavano di una minaccia bomba. Si tratta della quinta ondata di minacce (negli Usa) di questo tipo negli ultimi due mesi, scrive l’agenzia di stampa Jta, con 72 istituzioni ebraiche prese di mira in 30 stati americani diversi. Un’ondata inquietante a cui si sono aggiunti due gravissimi atti vandalici in due cimiteri ebraici d’Oltreoceano: a Filadelfia e poi a Saint Louis oltre 200 tombe sono state infatti profanate, con lapidi divelte e distrutte da ignoti. Atti che hanno ricevuto la condanna della Casa Bianca ma che aprono interrogativi sulla necessità di contrastare queste nuove spinte d’odio antisemita.
In una recente intervista, Malcolm Hohenlein, a capo della Conferenza dei presidenti delle maggiori organizzazioni ebraiche americane, ha parlato di “pandemia antisemita globale”: “non penso che siamo di fronte a una minaccia diretta all’esistenza o alla sopravvivenza ebraica”, ha detto Hohenlein al Times Of Israel riferendosi in generale agli atti antisemiti commessi di recente negli Stati Uniti. “Ma penso che questo tipo di tumore, lasciato incontrollato, si diffonde e diventa sempre più una minaccia” per l’ebraismo e per l’intera società.

(Foto di Dominick Reuter/AFP/Getty Images)
Leggi

roma e l’iniziativa del bds cancellata
La propaganda contro Israele
messaggio d’odio per i giovani
Dopo gli incontri tenuti nella giornata di ieri da Unione delle Comunità Ebraiche Italiane di raccordo con altre associazioni ebraiche, gli appelli della Comunità ebraica di Roma, dell’Ambasciata d’Israele e di molte altre voci ed istituzioni, era giunto l’annuncio del consigliere comunale Stefano Fassina, tra i promotori dell’appuntamento legato al BDS, dell’avvenuta cancellazione dell’incontro “Gaza: rompiamo l’assedio” nella Sala della Piccola Protomoteca del Campidoglio. Decisione sulla quale si è espresso apprezzamento, cosi come per l’impegno profuso dal Campidoglio ad assicurare un uso istituzionalmente corretto della sala comunale. Apprendere in queste ore che il gruppo del Bds Roma proseguirà nell’intento di realizzare l’evento propagandistico e di istigazione all’odio desta non poca preoccupazione. La collettività e soprattutto i nostri giovani hanno bisogno di iniziative formative che promuovano il dialogo e la capacità di ascolto, il rispetto e un impegno, anche se faticoso, a costruire uno spazio di pace e non certo di manifestazioni che seminano ancor più odio e raccolgano da subito tempeste.
Leggi

cordoglio in israele e nell’italia ebraica
Nora Ravenna Di Castro
(1923-2017)
Protagonista del sionismo, e della costruzione dello Stato di Israele. Leader del movimento dei kibbutzim religiosi. Intellettuale e giornalista di valore. Nora Ravenna Di Castro ha lasciato la sua vita terrena nelle scorse ore concludendo un’esistenza che racchiude in sè un secolo di storia degli ebrei italiani e dello Stato di Israele.
Una vita troppo grande e troppo luminosa per essere racchiusa in poche parole, sempre condotta con l’orgoglio della propria identità ebraica e della propria scelta sionista, sempre presentata con la tenacia e la modestia che caratterizza l’esistenza delle persone veramente significative.
Il giornale dell’ebraismo italiano Pagine Ebraiche raccoglierà nei prossimi giorni idee e testimonianze per onorarla come dovuto.
Ora solo un momento di vicinanza a Giovannino e a tutti i suoi cari. Che il suo ricordo sia di benedizione, che il suo lavoro sia di perenne esempio a tutti noi.
Nel testo che segue il racconto, apparso su uno degli scorsi numeri di Pagine Ebraiche, del momento che cambiò la sua vita e quella di molti ebrei italiani. Il momento delle scelte di chi volle prendere in mano il proprio destino.

“In Israele la salvezza e l’identità”

Anche lei, quella mattina, sotto il sole di settembre, sulla piazza affollata. E anche la sua vita ha cambiato il suo corso in pochi minuti. Erano in tanti gli ebrei di Trieste in mezzo alla gente. Mussolini dal palco gettava verso la folla i suoi proclami di odio. Tutta la città era venuta ad ascoltarlo. E chi c’era fu testimone del principio della fine, della lacerazione che il fascismo aprì fra gli ebrei italiani e i destini sventurati dell’Italia. In quel luogo della grande piazza aperta sul mare dove il regime proclamò l’inizio delle persecuzioni oggi, 75 anni dopo, è stata posta una targa d’acciaio al suolo. I passanti si fermano incuriositi, leggono, fotografano le parole che ricordano il discorso che tradì gli ebrei italiani e portò l’Italia nel tunnel della rovina e della distruzione. Alcuni hanno letto l’intervista che Maurizio Nacmias ha rilasciato al giornale dell’ebraismo italiano Pagine Ebraiche, molti altri ancora hanno ritrovato la testimonianza ripresa a tutta pagina dalla Gazzetta dello Sport. E la memoria di quel giorno fatale attraversa il mondo, rimette in contatto chi allora era nella prima gioventù e doveva prepararsi a combattere per sopravvivere. Attraversa gli oceani e i mari per rimettere in contatto i triestini che dispersi in terre lontane non rinunciano ad alimentare un legame con questa città tutta speciale. Arriva in Israele, dove molti di loro sbarcarono giovanissimi e furono chiamati fra i protagonisti, nella Palestina del mandato britannico, per costruire un nuovo Stato, libero, democratico, progredito che fosse casa e protezione per gli ebrei di ogni dove. “Quel giorno – racconta oggi Nora Ravenna, che ha preso il nome di Nurith Ravenna Di Castro – si è decisa la mia vita. In uno spazio di tempo molto breve, da quando ho visto la gente di casa mia togliersi il cappello lungo la strada affollata al passaggio del corteo con Mussolini a quando siamo rientrati a casa disorientati e spaventati dopo il comizio che annunciava le leggi razziste quante cose sono cambiate”.
Leggi

il rabbino sacks sul movimento contro israele
“Le bugie antisemite del Bds
sono un pericolo per tutti noi”
Come testimoniano i fatti di Roma, con la cancellazione dell’iniziativa in Campidoglio legata al movimento che propugna il boicottaggio d’Israele, il Bds (Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni) continua a cercare spazi per esprimersi e legittimazione. L’incontro nella Capitale, poi cancellato ufficialmente, rientra in quello che a livello internazionale è noto come l’Israel Apartheid Week, una settimana di appuntamenti il cui orientamento è già chiaro dal titolo: contestare in modo velenoso Israele e propagandare le tesi del Bds. In risposta a queste iniziative, rav Jonathan Sacks, già rabbino capo del Commonwealth, ha realizzato un video divenuto subito molto popolare sui social network in cui spiega perché “chiunque abbia a cuore una società libera” deve far sentire la propria voce contro il Bds. “La campagna di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni contro Israele è pericolosamente sbagliata, perché scavando sotto la superficie, emerge un tentativo di delegittimare Israele come preludio alla sua eliminazione”, spiega Sacks nel video, chiamando tutti, ebrei e non, a mobilitarsi contro questo movimento che “danneggia le stesse persone che vorrebbe aiutare, prolungando la situazione a cui vorrebbe porre fine”. Il rav, tra le più note voci del mondo ebraico moderno, sottolinea di essere tra i sostenitori “del diritto dei palestinesi ad avere un proprio Stato e del diritto dei bambini palestinesi ad avere un futuro fatto di speranza e dignità. Ma la campagna Bds non raggiunge nessuna di queste cose”.
================
Shalom LorenzoJHWH, We are all aware how repeated waves of Palestinian incitement and terror have brought thousands of attacks against innocent Israelis.
Whether stabbings, car rammings, suicide bombings, shootings or rocket attacks, the goal is the same – to frighten and kill the citizens of Israel.
Many victims continue to suffer from deep physical and emotional scars.
The upcoming holiday of Purim commemorates the victory of the Jews over Persia’s evil Haman, whose plan was to exterminate the entire Nation of Israel.
This year, let’s brighten the Purim holiday for families and children who suffer from the pain and trauma of a terror attack. Let’s do something very special for them.
Click Here to Send Purim Baskets to Victims of Terror
Your blessing will touch the hearts of these families, knowing that people like you, so far away, share in both their pain and their joy…
Whether they’ve lost parents, siblings or suffered their own injuries, the most
tragic victims are the children – whose pain is devastating.
Imagine the joy children will feel when getting a basket full of goodies and toys.
These kids need and deserve to have fun!
Send Goodies and Toys to Israeli Victims of Terror
When you send your gift basket, you can also include a personal message of support and love. This is what they need!
Your message of comfort will make the holiday extra special for those who have suffered so much.
Your expression of kindness and unity will make an everlasting impression…
We invite you to become a partner in this inspiring project.
Click Here to Send Purim Unity Baskets Today!
Your blessing will bring “light, gladness, joy and honor” to the silent heroes
of Israel whose only crime is that they are proud Jews living in the Land of Israel.
We ask you to please forward this email to your family and friends.
Everyone deserves the opportunity to help make a difference.
Thank you for sharing blessing and joy with the people of Israel!
Click Here to Send Your Purim Gift and Personal Note

Shalom LorenzoJHWH, We are all aware how repeated waves of Palestinian incitement and terror have brought thousands of attacks against innocent Israelis.
Whether stabbings, car rammings, suicide bombings, shootings or rocket attacks, the goal is the same – to frighten and kill the citizens of Israel.
Many victims continue to suffer from deep physical and emotional scars.
The upcoming holiday of Purim commemorates the victory of the Jews over Persia’s evil Haman, whose plan was to exterminate the entire Nation of Israel.
This year, let’s brighten the Purim holiday for families and children who suffer from the pain and trauma of a terror attack. Let’s do something very special for them.
Click Here to Send Purim Baskets to Victims of Terror
Your blessing will touch the hearts of these families, knowing that people like you, so far away, share in both their pain and their joy…
Whether they’ve lost parents, siblings or suffered their own injuries, the most
tragic victims are the children – whose pain is devastating.
Imagine the joy children will feel when getting a basket full of goodies and toys.
These kids need and deserve to have fun!
Send Goodies and Toys to Israeli Victims of Terror
When you send your gift basket, you can also include a personal message of support and love. This is what they need!
Your message of comfort will make the holiday extra special for those who have suffered so much.
Your expression of kindness and unity will make an everlasting impression…
We invite you to become a partner in this inspiring project.
Click Here to Send Purim Unity Baskets Today!
Your blessing will bring “light, gladness, joy and honor” to the silent heroes
of Israel whose only crime is that they are proud Jews living in the Land of Israel.
We ask you to please forward this email to your family and friends.
Everyone deserves the opportunity to help make a difference.
Thank you for sharing blessing and joy with the people of Israel!
Click Here to Send Your Purim Gift and Personal Note

“E la speranza non ci ha messo a vergogna, perché l’amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato a noi.” (Romani 5: 5) la scelta di non odiare. Rami Ayyad è stato assassinato a pochi anni fa, il 7 ottobre per il suo lavoro come capo della Società Biblica nella Striscia di Gaza. Il suo omicidio ha lasciato la moglie, Pauline, carico di tre bambini e un cuore pieno di odio per i suoi assassini.
Mentre Rami stava chiudendo la libreria di proprietà palestinese Bible Society a Gaza, un veicolo tirato accanto a lui e molti uomini lo ha costretto nel sedile posteriore. Rami, rimanendo calmo e fiducioso nel Signore, è stato permesso di chiamare sua moglie. “Sto andando con alcuni giovani da qualche parte, ma sarò a casa presto,” cercò di rassicurarla. Quella fu l’ultima volta paolino sarebbe sentire la voce di suo marito.
Ore dopo, è stato trovato il suo corpo. Era stato brutalmente torturato e sparato due volte, una pallottola al petto e uno alla testa. Un portavoce della Società Biblica Palestinese ha detto, “E ‘un martire per Cristo”. Pauline ricorda, “ero così rotto dopo la morte di mio marito, e odiavo le persone che lo hanno fatto.”
Non ci sono stati progressi nella caccia di assassini di Rami. Un cristiano locale ha commentato: “Molti dei musulmani credono che Rami era evangelizzatrice gente così è stato OK per ucciderlo.”
In un tale contesto di odio, il risentimento di Pauline festered. Tuttavia, lo Spirito Santo nel suo modo gentile ma insistente continuava a sussurrare con lei fino a che non poteva portare non più l’odio. “Fu allora”, ricorda, “che il Signore ha versato su di me il perdono per chi ha ucciso Rami e quelli che ho usato per la colpa.” Il suo cuore è stato liberato e ha sentito il Signore dire: “Non è tutti coloro che arriva a essere chiamato la moglie di un martire. “in profondità nel pensiero, pensò,” Questo è un grande onore. ”
Fratello Re da International Christian Concern (ICC) scrive, “L’esperienza di Pauline rispecchia quella della chiesa perseguitata in generale. Abusato, sputavano sopra, picchiati, torturati, violentata e uccisa, questi credenti soffrono come ha fatto Gesù. A volte rispondono in modi molto umani, ma quando ascoltano e seguono lo Spirito Santo, un grande potere derivano in loro e che possiedono ciò che non potevano immaginare in precedenza – la pace, l’amore per i loro nemici, e di perdono per coloro che ha consegnato solo il male assoluto per la loro vita … Questo è il dono della chiesa perseguitata. Nella fornace di afflizione, lo Spirito di Dio è impostato ablase nei loro cuori. A loro volta, i loro cuori diventano un faro per tutti entrano in contatto con “.
RISPOSTA:
Oggi vi ringraziare Dio per il dono del suo Spirito Santo. Ascolterò a Lui e seguirlo.
PREGHIERA:
Grazie, Signore, per l’esempio di Pauline. Rafforzare mentre lei solleva i suoi figli.

questa è una strategia pianificata: 1. IRAN SHARIAH minaccia ISRAELE, mentre: 2. SAUDI ARABIA SHARIAH minaccia tutte le Nazioni del mondo, mentre: il sistema delle: Private SpA Banche Centrali: minacciano quello che rimane della Civiltà Ebraico Cristiana, perché, già c’è (ad eccezione di ISLAM): una forma sempre più evidente di: inciucio massonico ecumenico religioso modernista: che: è un frullato religioso: che confluisce spontaneamente nel naturalismo della NewAge (distruggendo la trascendenza dell’elemento divino nell’uomo, come comunione con la PERSONA di Dio stesso), che è un preambolo alla religione satanista: il credo massonico del NUOVO ORDINE MONDIALE, REGIME MASSONICO BILDERBERG: ALTO TRADIMENTO COSTITUZIONALE il SIGNORAGGIO BANCARIO! quindi, il traditore Bernie Sanders: dice: ” draws parallels between Trump, Netanyahu, calls to end ’50-year occupation’. In J Street address, ex-presidential hopeful says progressives can oppose US president ‘without being anti-American’ and Israeli PM ‘without being anti-Israel’; declares ‘nobody gains when Gaza is obliterated’. traditore Bernie Sanders traccia paralleli tra Trump, Netanyahu, chiama a porre fine all’occupazione ’50 year ‘. In indirizzo J Street, l’ex candidato alla presidenza, dice progressisti possono opporsi presidente degli Stati Uniti ‘, senza essere anti-americano’ e Israele PM ‘, senza essere anti-Israele’; dichiara ‘nessuno guadagna quando Gaza è cancellata’. Ma il più feroce fondamentalismo dei wahhabiti salafiti guida la LEGA ARABA, e loro sono sicuri di vincere: dato che noi non abbiamo più la cultura del genocidio e del nazismo: che loro hanno: e dimostrano di avere: in tutto il mondo: rimanendo sempre impuniti proprio perché ONU non pretende più il rispetto dei diritti umani, come della libertà di religione! .. pertanto se la LEGA ARABA non rimuove la shariah: non potrebbe mai esistere un destino diverso per palestinesi ed islamici di tutto il mondo: di: essere deportati in Iran e Arabia Sudita prima che il fuoco dell’IRA di Dio JHWH scenda dal cielo ad incenerirli tutti!
se EGITTO shariah non è in grado di controllare il territorio: con i suoi terroristi shariah, e non riesce a difendere i cristiani? poi, questo lavoro sporco: lo dovrà fare ISRAELE al posto suo! Islamic State bolsters hold on north Sinai as army pulls back
Jihadists impose taxes, set up checkpoints around Rafah and threaten Copts, causing over 100 Christian families to flee city of el-Arish, after military campaign eases

mentre gli islamici sono impegnati a fare il genocidio delle persone: come è più possibile a loro di poter fare, ISRAELE al contrario: soffre di una posizione sfavorevole, dato che è impegnato a salvare i loro civili: che sono gli scudi umani di Hamas: tutti i Palestinesi: sono felicemente gli scudi umani di Hamas: perché è il demonio Allah: ha detto di fare così! ma, TUTTO QUESTO DEVE FINIRE! NON POSSIAMO più PERDERE: SOLDATI ISRAELIANI PER SALVARE i civili PALESTINESI.. dei loro, e di ogni conseguenza È RESPONSABILE la LEGA ARABA: PER IL SUO DELITTO UNIVERSALE DI SHARIAH: CHE È UN DELITTO UNIVERSALE DI NAZISMO E GENOCIDIO! pertanto si deve posizionare la artiglieria: e si deve fare piazza pulita: di ogni forma di resistenza! NON È RAGIONEVOLE (e un delitto contro la sicurezza nazionale) di: DISTRUGGERE I MISSILI ANTI MISSILE PER FERMARE I RAZZI! Blistering Gaza war report scorches Netanyahu, Ya’alon and Gantz over tunnel failures. Israel’s state comptroller took military and political leaders to task for their failure to prepare adequately for the threat of attack tunnels ahead of the 2014 war with Hamas in the Gaza Strip, in a pair of long-awaited, highly critical reports published on Tuesday. The reports found significant gaps in the military’s intelligence in the lead-up to the war, as well as a lack of clearly defined operational plans for how to destroy tunnels, which may have led, the report said, to the unnecessary deaths of Israeli soldiers during the 50-day conflict.
But the Prime Minister’s Office bore the brunt of State Comptroller Yosef Shapira’s criticism over its failure to sufficiently brief members of the security cabinet about the subterranean threat.

3 esperienze di pre-morte che ti faranno ricredere sull’esistenza del Paradiso

Shutterstock/mbolina
Condividi

Tweet

Stampa

Condividi
Tweet
Stampa
377
0

Il dottor Patrick Theillier conosce bene i fenomeni soprannaturali. Cattolico convinto e impegnato, ha lavorato per dieci anni come medico dell’Ufficio delle Constatazioni Mediche del santuario di Lourdes. Insieme ad altri medici, non necessariamente credenti, si è impegnato a verificare scientificamente il carattere umanamente inspiegabile delle guarigioni ottenute per intercessione di Nostra Signora di Lourdes.

Ed è proprio a partire dalle conclusioni elaborate da questo Ufficio che è stato possibile alla Chiesa giungere al riconoscimento di alcuni miracoli. Una guarigione inspiegabile è dichiarata miracolo quando l’autorità ecclesiastica competente vi riconosce un segno della potenza e dell’amore di Dio presente nella vita degli uomini, in grado di fortificare la fede del popolo cristiano.

In “Quando la mia anima uscì dal corpo” (edizioni San Paolo) il dottor Theillier studia le esperienze di pre-morte, o avvenute “ai confini della morte” (conosciute con la sigla inglese NDE, Near-Death Experiences).

1) “HO FATTO UN VIAGGETTO IN CIELO”

Nel 2010 Todd Burpo, un pastore della chiesa metodista del Nebraska, negli Stati Uniti, scrisse un piccolo libro, Heaven Is for Real, il Paradiso per davvero, nel quale raccontò la NDE di suo figlio Colton: «Ha fatto un viaggetto in Cielo» nel corso di un’operazione di peritonite alla quale è sopravvissuto. La storia è particolare perché Colton aveva solo 4 anni quando il fatto accadde, e ha raccontato la sua esperienza, ai genitori stupiti, in maniera occasionale e frammentaria. Le NDE dei bambini sono le più toccanti perché sono le meno inquinate, le più vere; si potrebbe dire: le più vergini.

Pre-Morte più autentica nei bambini

Il pediatra dottor Melvin Morse, direttore di un gruppo di ricerca sulle esperienze di pre-morte all’Università di Washington, dice:

«Le esperienze di pre-morte dei bambini sono semplici e pure, non inquinate da nessun elemento di carattere culturale o religioso. I bambini non rimuovono queste esperienze come fanno sovente gli adulti, e non hanno difficoltà a integrare le implicazioni spirituali della visione di Dio».

“La’ gli angeli hanno cantato per me”

Ecco dunque il riassunto del racconto fatto da Colton come è riportato nel libro Heaven Is for Real. Quattro mesi dopo la sua operazione, passando in auto vicino all’ospedale dove era stato operato, a sua mamma che gli domanda se se ne ricorda, Colton risponde con una voce neutra e senza esitazione: «Sì, mamma, me ne ricordo. È là che gli angeli hanno cantato per me!». E con un tono serio aggiunge: «Gesù ha detto loro di cantare perché io avevo molta paura. E dopo andava meglio». Stupito, suo padre gli domanda: «Vuoi dire che c’era anche Gesù?». Il bambino facendo un cenno affermativo col capo, come se confermasse una cosa del tutto normale, dice: «Sì, c’era anche lui». Il padre gli domanda: «Dimmi, dov’era Gesù?». Il bambino risponde: «Ero seduto sulle sue ginocchia!».

La descrizione di Dio

Come è facile immaginarsi i genitori si domandano se tutto ciò sia vero. Ora, il piccolo Colton rivela che aveva lasciato il suo corpo durante l’operazione, e lo prova descrivendo con precisione ciò che ciascuno dei genitori stava facendo in quel momento in un’altra parte dell’ospedale.

Stupisce i suoi genitori descrivendo il Cielo con dei particolari inediti, corrispondenti alla Bibbia. Descrive Dio come veramente grande, veramente grande; e dice che ci ama. Dice che è Gesù che ci riceve in Cielo.

Non ha più paura della morte. Lo rivela una volta a suo padre che gli dice che rischia di morire se attraversa la strada correndo: «Che bello! Vuol dire che tornerò in Cielo!».

L’incontro con la Vergine Maria

In seguito risponderà sempre con la stessa semplicità alle domande che gli pongono. Sì, ha visto degli animali in Cielo. Ha visto la Vergine Maria inginocchiata davanti al trono di Dio, e altre volte vicino a Gesù, che ama sempre come fa una mamma.

2) IL “TUNNEL” DEL NEUROCHIRURGO

Il dottor Eben Alexander, neurochirurgo americano, specialista del cervello, non credeva assolutamente ad una vita dopo la morte. Era scettico: per lui, tutti i racconti di NDE erano deliri e stupidaggini. Nel 2008 ebbe una meningite fulminante che gli fece cambiare idea. Dapprima in un articolo del settimanale americano Newsweek, e poi in un libro, racconta la sua esperienza di pre-morte. Un viaggio che l’ha convinto dell’esistenza di una vita dopo la morte.

“Ero in una dimensione più vasta dell’universo”

Quattro anni fa i medici dell’ospedale generale di Lynchburg, in Virginia, dove lui lavorava, gli hanno diagnosticato una rara forma di meningite batterica, che colpisce generalmente i neonati. Le possibilità di uscirne senza cadere in uno stato vegetativo erano deboli, e divennero nulle già al pronto soccorso.

«Ma mentre i neuroni della mia corteccia venivano ridotti all’inattività completa, la mia coscienza, liberata dal cervello, percorse una dimensione più vasta dell’universo, una dimensione che non mi ero mai nemmeno sognato e che sarei stato felice di poter spiegare scientificamente prima di sprofondare nel coma. Ho fatto un viaggio in un ambiente riempito di grandi nuvole rosa e bianche… Molto sopra queste nuvole, nel cielo, volteggiavano in cerchio degli essere cangianti che si lasciavano dietro delle lunghe scie. De- gli uccelli? Degli angeli? Nessuno di questi termini descrive bene questi esseri che erano diversi da tutto ciò che avevo potuto vedere sulla terra. Erano più avanzati di noi. Erano degli esseri superiori».

Un canto celeste

Il dottor Eben Alexander si ricorda di aver anche udito un suono in pieno sviluppo, come un canto celeste, che veniva da sopra, e che gli ha dato una grande gioia, e di essere stato poi accompagnato nella sua avventura da una giovane donna.

Dopo questa NDE, il dottor Alexander non ha avuto più dubbi: la coscienza non è né prodotta né limitata dal cervello, come il pensiero scientifico dominante continua a ritenere, e si estende al di là del corpo.

Nuova idea di coscienza

«Ora, per me è – dice Alexander – cosa certa che l’idea materialistica del corpo e del cervello come produttori, piuttosto che come veicoli, della coscienza umana, è superata. Al suo posto sta già nascendo una nuova visione del corpo e dello spirito. Questa visione, a un tempo scientifica e spirituale, farà posto alla verità, che è il valore che i più grandi scienziati della storia hanno sempre cercato».

3) LA FUCILAZIONE

Ecco una lettera di don Jean Derobert. È una testimonianza certificata data in occasione della canonizzazione di padre Pio.

«In quel tempo – spiega don Jean – lavoravo al Servizio Sanitario dell’esercito. Padre Pio, che nel 1955 mi aveva accettato come figlio spirituale, nelle svolte importanti della mia vita mi ha sempre fatto pervenire un biglietto in cui mi assicurava la sua preghiera e il suo sostegno. Così accadde prima del mio esame all’Università Gregoriana di Roma, così accadde quando entrai nell’esercito, così accadde anche quando dovetti raggiungere i combattenti in Algeria».

Il biglietto di Padre Pio

«Una sera, un commando F.L.N. (Front de Libération Nationale Algérienne) attaccò il nostro villaggio. Fui preso anch’io. Messo davanti a una porta insieme ad altri cinque militari, fummo fucilati (…). Quel mattino avevo ricevuto un biglietto da padre Pio con due righe scritte a mano: «La vita è una lotta ma conduce alla luce» (sottolineato due o tre volte)».

La salita in cielo

Immediatamente don Jean fece l’esperienza dell’uscita dal corpo. «Vidi il mio corpo al mio fianco, sdraiato e sanguinante, in mezzo ai miei compagni uccisi anch’essi. Cominciai una curiosa ascensione verso l’alto dentro una specie di tunnel. Dalla nuvola che mi circondava distinguevo dei visi conosciuti e sconosciuti. All’inizio questi visi erano tetri: si trattava di gente poco raccomandabile, peccatori, poco virtuosi. Man mano che salivo i visi incontrati diventavano più luminosi».

L’incontro con i genitori

«All’improvviso il mio pensiero si rivolse ai miei genitori. Mi ritrovai vicino a loro a casa mia, ad Annecy, nella loro camera, e vidi che dormivano. Ho cercato di parlare con loro ma senza successo. Ho visto l’appartamento e ho notato che avevano spostato un mobile. Molti giorni dopo, scrivendo a mia mamma, le ho domandato perché avesse spostato quel mobile. Lei mi rispose: “Come fai a saperlo?”. Poi ho pensato al papa, Pio XII, che conoscevo bene perché sono stato studente a Roma, e subito mi sono ritrovato nella sua camera. Si era appena messo a letto. Abbiamo comunicato scambiandoci dei pensieri: era un grande spirituale».

“Scintilla di luce”

Ad un tratto don Jean si ritrova in un paesaggio meraviglioso, invaso da una luce azzurrina e dolce.. C’erano migliaia di persone, tutte dell’età di circa trent’anni. «Ho incontrato qualcuno che avevo conosciuto in vita (…) Ho lasciato questo “Paradiso” pieno di fiori straordinari e sconosciuti sulla terra, e sono asceso ancora più in alto… Là ho perso la mia natura di uomo e sono diventato una “scintilla di luce”. Ho visto molte altre “scintille di luce” e sapevo che erano san Pietro, san Paolo, o san Giovanni, o un altro apostolo, o il tale santo».

La Madonna e Gesù

«Poi ho visto santa Maria, bella all’inverosimile nel suo mantello di luce. Mi ha accolto con un indicibile sorriso. Dietro di lei c’era Gesù meravigliosamente bello, e ancora più indietro c’era una zona di luce che sapevo essere il Padre, e nella quale mi sono tuffato».

La prima volta che vide padre Pio dopo quest’esperienza, il frate gli disse: “Oh! Quanto mi hai dato da fare tu! Ma quello che hai visto era molto bello!”.

Associazione Luci sull'Est

 

Gentile sostenitore,

questa settimana entreremo nel tempo di Quaresima, tempo di penitenza, di preghiera e di attesa della Pasqua del Signore.

 

Sappiamo bene quante difficoltà caratterizzano le giornate di tutti noi e per questo desideriamo dedicare le prossime settimane per stringerci ancora di più in preghiera, dando seguito all’invito alla preghiera e alla penitenza della Vergine di Fatima.

Image

Con grande piacere quindi ti informo che un sacerdote, amico di Luci sull’Est, si è reso disponibile a ricordare le intenzioni di preghiera dei sostenitori di Luci sull’Est nelle Via Crucis celebrate ogni venerdì.

 

Questa prima settimana vorrei proporti di rivolgere le nostre preghiera, le tue e le mie, alle famiglie in difficoltà, a tutte quelle situazioni difficili che genitori e figli attraversano, alle incomprensioni tra i coniugi.

Hai tempo fino a mezzogiorno di giovedì per inviarmi le tue intenzioni di preghiera che saranno consegnate in serata al sacerdote per la celebrazione della Via Crucis di venerdì 3 marzo.

 

Sono certo che anche tu conosci una famiglia che sta affrontando qualche preoccupazione, piccola o grande.

 

Questa è l’occasione per affidarla al Signore Gesù e alla Vergine Maria, affinché stiano loro accanto e diano loro la forza necessaria per superare questo momento.

Lasciamo spazio nelle nostre vite e nelle nostre case alla Passione del Signore e all’invito della Vergine Maria alla preghiera incessante per la conversione dei nostri cuori e di tutti i peccatori.

 

Preghiamo insieme, questa settimana, per la Famiglia, nucleo fondante la nostra società, e per tutte le famiglie che ci stanno a cuore!

Guidati dalla preghiera della Via Crucis e dal Santo Rosario della Vergine Maria contempleremo presto la Resurrezione di nostro Signore e a gioiremo insieme per la Salvezza offerta a ogni uomo.

 

Un caro saluto,

Nelson Fragelli

Nelson Fragelli

Presidente Associazione Luci sull’Est

P.S.: Venerdì 3 marzo sarà recitata una Via Crucis in cui verranno ricordate le intenzioni di preghiera dei sostenitori di Luci sull’Est dedicate alla Famiglia.

 

Hai tempo fino a mezzogiorno di giovedì 2 marzo per inviarmi le tue personali intenzioni di preghiera! Non perdere questa occasione.

 

Associazione Luci sull’Est

 

Hai ricevuto questo messaggio perchè in passato sei stato interessato ad una delle nostre iniziative. Se non vuoi più ricevere messaggi su questa campagna, disiscriviti. 

 

3MC – 3 Minute Catechism – English

  • 3:55

Precedente cristiani sanno ancora credere alla Parola di Dio? Successivo SHARIAH BUSH SATANA tu sei soltanto una biscia