FLUIDITÀ gender SPAPPOLAMENTO SOCIALE

“Truly I tell you,” Jesus replied, “no one who has left home or brothers or sisters or mother or father or children or fields for Me and the Gospel will fail to receive a hundred times as much in this present age: homes, brothers, sisters, mothers, children and fields — along with persecutions — and in the age to come eternal life.”
(Mark 10:29-30) HOPE IN THE FACE OF REJECTION A young lady from India who received Standing Strong Through The Storm (SSTS) training shares her poignant story: Though I long to see my family, I cannot go home. I haven’t been home in three years, ever since my family poured hot water on me to show their hostility. They were extremely upset when I accepted Christ as my Saviour as a teenager. I stopped worshipping idols and other gods that my family worshipped. I began to pray and read the Bible every day. My family, who kept food from me, even poured hot meals on me. They tore Bibles from my hand and burned them, six of them. I was beaten severely for attending church services. One time so badly that I was half dead. While I was still on my sick bed I heard the voice of God saying, “Leave your family whom you love and follow me.” It was a very difficult decision for me, but I agreed to do His word. So I told my father that I would be leaving for Bible College to study and learn about Jesus. On hearing my words he was furious and said that if I was to do my own will then I could leave for good. He demanded money that he had spent for my upbringing. It broke my heart. Learning of the terrible condition I was in, an evangelist reached out to me with help and brought me to a Bible College supported by Open Doors. After a year I went home expecting my family to accept me. But they remained unchanged. Two years later, my father attended my Bible College graduation in secret, coming in late to the back and leaving early. He did not want to speak to me. My family has only given me pain and sorrow and I think about it and weep. But I believe in God’s promise, “Let your heart not be troubled, believe in God and also in me, there are many rooms in my father’s house…I will come back and take you with me” (John 14: 1-3). So one day I will be with Him in His heavenly home where there will be no more sorrow, crying or pain.  RESPONSE: Today I will be encouraged that no matter what happens, following Jesus gives me hope. PRAYER: Pray for many believers, like the young lady above, who endure the pain of rejection.

non possiamo dire che tutti gli ebrei sono: TALMUD MASSONI SATANISTI e FARISEI BANCHE CENTRALI CULTO SPA FED NWO ] ma che gli ebrei non vedono questi delitti? e vedono soltanto i delitti degli altri? questo è molto grave! e noi non possiamo negare che il nazismo sionista usa in modo strumentale il Holocaust! mentre noi ordiniamo la nascita i sionisti per il Regno di Israele! [ UK Labour leader Jeremy Corbyn again refused an invitation to visit Yad Vashem, Israel’s national Holocaust memorial in Jerusalem. Labor Member of Knesset Amir Peretz sent a missive to Jeremy Corbyn, expressing dismay over the British Labour Party leader’s decline of an invitation to visit the Yad Vashem Holocaust Museum in Jerusalem. “Perhaps your refusal stems from a problem of personal identity, which clashes with the values of the universal world ​​in general, and the social democratic ones in particular,” Peretz wrote to Corbyn on Sunday. “Perhaps this is the result of political opportunism of the lowest kind, which deters you from facing anti-Semitic elements, and particularly within your own party, including the harsh remarks by former London Mayor Ken Livingstone. It is also possible that this stems from a lack of understanding of contemporary anti-Semitism,” the letter stated. Peretz concluded by calling on Corbyn to reconsider the invitation. A copy of the letter was also sent to the British Ambassador to Israel David Quarrey. Corbyn has refused several invitations by Israeli leaders to visit Yad Vashem. In September, for instance, he cited prior commitments when turning down an invitation from Israeli Labor Party leader Isaac Herzog. “I’m very disappointed Jeremy turned down the invitation to visit Israel from our sister party,” Labour MP Joan Ryan, head of Labour Friends of Israel, was quoted as saying at the time. “It is not surprising that Jeremy Corbyn is not viewed as a potential prime minister by the public when he cannot handle diplomatic issues like this,” Labour MP Wes Streeting said. “This shows why so many people think he is not fit to be prime minister and why many Labour voters would prefer Theresa May.” Herzog’s invitation was extended in the wake of several scandals involving Labour MPs who made anti-Semitic statements. By: United with Israel Staff

leader del Regno Unito laburista Jeremy Corbyn ha rifiutato ancora una volta un invito a visitare Yad Vashem, nazionale memoriale dell’Olocausto di Israele a Gerusalemme. Membro laburista del Knesset Amir Peretz ha inviato una missiva a Jeremy Corbyn, che esprime sgomento per il declino del leader del partito laburista britannico di un invito a visitare il museo Yad Vashem Holocaust a Gerusalemme. “Forse il tuo rifiuto deriva da un problema di identità personale, che si scontra con i valori del mondo universale in generale, e quelli democratici sociali in particolare,” Peretz ha scritto al Corbyn Domenica. “Forse questo è il risultato di opportunismo politico del genere più basso, che si scoraggia di fronte da elementi antisemiti, e in particolare all’interno del tuo stesso partito, tra cui le dure osservazioni di ex sindaco di Londra Ken Livingstone. E ‘anche possibile che questo deriva da una mancanza di comprensione del contemporaneo antisemitismo “, la lettera ha dichiarato. Peretz ha concluso invitando Corbyn a riconsiderare l’invito. Una copia della lettera è stata inviata anche al ambasciatore britannico in Israele, David Quarrey. Corbyn ha rifiutato diversi inviti da parte dei leader israeliani di visitare Yad Vashem. Nel mese di settembre, per esempio, ha citato precedenti impegni quando si gira verso il basso un invito da leader del partito laburista israeliano Isaac Herzog. “Sono molto deluso Jeremy rifiutato l’invito a visitare Israele dal nostro partito sorella”, deputato laburista Joan Ryan, capo della LFI, è stato citato come dicendo in quel momento. “Non è sorprendente che Jeremy Corbyn non è visto come un potenziale primo ministro da parte del pubblico quando non in grado di gestire questioni diplomatiche come questo”, ha detto il parlamentare laburista Wes Streeting. “Questo dimostra il motivo per cui molte persone pensano che non è adatto ad essere primo ministro e il motivo per cui molti elettori laburisti preferirebbero Theresa May.” L’invito di Herzog è stato esteso a seguito di diversi scandali che coinvolgono parlamentari laburisti che ha fatto dichiarazioni antisemite. By: Unito con Israele Staff

non c’é nessuna possibilità per le BESTIE di Satana: i Massoni Farisei Talmud: che sono in Israele, di poter costruire il Tempio Ebraico: se non vogliono anticipare la fine del mondo… io soltanto posso costruirlo!      A Passover Prayer: May the Holy Temple be Built in Our Day

Netanyahu è un ipocrita e anche un assassino, dato che lui è andato in Siria anche lui a supportare i terroristi moderati di Erdogan Salman e Obama: che sono i veri responsabili di questo attacco chimico! “When I saw pictures of babies suffocating from a chemical attack in Syria, I was shocked and outraged,” Netanyahu stated on hearing the news of a deathly chemical-weapons attack on civilians. More than 60 people were killed in an apparent chemical weapons strike by Syrian or Russian army jets on Tuesday in Syria’s northwestern province of Idlib, according to British-based Syrian Observatory for Human Rights (SOHR). The Abu Dhabi-based Sky News Arabia said 67 civilians were killed and at least 200 were injured in the airstrike, which released “toxic gas.” The Syrian government did not comment, though it has previously rejected accusations that it practices chemical warfare.
Children Writhing in Pain SOHR reported that the attack caused many people to either choke or faint, with some foaming at the mouth. Photographs posted on social media showed rescue workers hosing down almost-naked children, who were writhing in pain on the floor. A British doctor at the scene wrote in a Twitter post that sarin gas was released in the attack. Many Syrian opposition groups are calling on the United Nations to investigate. The UN’s High Commissioner for Human Rights, Zeid Ra’ad al-Hussein, denounced the UN several weeks ago for failing to end the “senseless carnage” in Syria. The lack of UN action is primarily due to a stark divide between UN Security Council members.
‘No, None, No Excuse Whatsoever’ “When I saw pictures of babies suffocating from a chemical attack in Syria, I was shocked and outraged,” Prime Minister Benjamin Netanyahu, addressing the state memorial ceremony Tuesday for late President Chaim Herzog at Mount Herzl in Jerusalem, said in a statement “There’s no, none, no excuse whatsoever for the deliberate attacks on civilians and on children, especially with cruel and outlawed chemical weapons. I call on the international community to fulfill its obligation from 2013 to fully and finally remove these horrible weapons from Syria.” By: United with Israel Staff UN to Release Report Equating Israeli Rule to US Slavery ] ONU non ha più titolo a parlare di diritti umani, dal momento che, non li rivendica più: nella shariah LEGA ARABA!

“Quando ho visto le immagini di bambini soffocanti da un attacco chimico in Siria, sono rimasto scioccato e indignato,” Netanyahu ha dichiarato alla notizia di un attacco mortale di armi chimiche contro i civili. Più di 60 persone sono state uccise in un attacco apparente armi chimiche da parte dell’esercito siriano getti o russo il Martedì, nella provincia nord-occidentale della Siria di Idlib, secondo Osservatorio siriano sede in Gran Bretagna per i diritti umani (Sohr). Lo Sky News Arabia di Abu Dhabi, ha detto 67 civili sono stati uccisi e almeno 200 sono rimaste ferite nel raid aereo, che ha pubblicato “gas tossici”. Il governo siriano non ha commentato, anche se ha già respinto le accuse che pratica la guerra chimica.
I bambini accusava dolore SOHR hanno riferito che l’attacco ha causato molte persone a uno soffocare o debole, con qualche bava alla bocca. Le fotografie pubblicate sul social media hanno mostrato i soccorritori innaffiando i bambini quasi nudi, che sono stati accusava dolore sul pavimento. Un medico britannico sulla scena ha scritto in un post su Twitter che il gas sarin è stato rilasciato durante l’attacco. Molti gruppi di opposizione siriani chiedono alle Nazioni Unite di indagare. Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Zeid Ra’ad al-Hussein, ha denunciato l’ONU diverse settimane fa per non aver fine alla “carneficina senza senso” in Siria. La mancanza di azione delle Nazioni Unite è dovuto principalmente ad un divario netto tra i membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.
‘No, nessuno, alcuna scusa’ “Quando ho visto le immagini di bambini soffocanti da un attacco chimico in Siria, sono rimasto scioccato e indignato,” il primo ministro Benjamin Netanyahu, rivolgendosi allo stato cerimonia commemorativa Martedì per defunto presidente Chaim Herzog sul Monte Herzl a Gerusalemme, ha detto in una dichiarazione “non c’è nessuno, nessuna scusa alcuna per gli attacchi deliberati contro i civili e sui bambini, soprattutto con le armi chimiche crudeli e fuori legge. Chiedo alla comunità internazionale di adempiere il suo obbligo a partire dal 2013 per rimuovere completamente e, infine, queste armi orribili dalla Siria “By:. United con Israele personale delle Nazioni Unite per stampa Rapporto Equiparare il governo israeliano a US schiavitù] ONU non ha Più titolo un Parlare di DIRITTI Umani, dal Momento Che, non li rivendica più: Nella shariah LEGA ARABA!

GENDER E SATANISMO ] L’attacco del subdolo virus del gender alla famiglia http://it.aleteia.org/2017/02/02/teoria-gender-attaccare-famiglia/
GENDER E SATANISMO ]
Una pericolosa battaglia ideologica che rischia di causare gravi danni ai nostri figli “Mio figlio ha 9 anni ed è gender fluid” è il titolo di un articolo uscito il 22 marzo scorso sul sito de La Stampa. Una madre racconta al quotidiano torinese l’esperienza di suo figlio, un bambino che preferisce giocare con le bambole, porta i capelli lunghi, ama gli abiti di sua sorella, “indossa magliette rosa, pure delle ballerine luccicanti quando non si arrampica rapido sui muretti del parco”. La signora Camilla è madre di tre figli e vive a Firenze, ha aperto da poco un blog “Mio figlio in rosa” dove parla della sua famiglia:     «una famiglia normale (…)Nulla di più normale se non fosse per il mio secondogenito che vorrebbe essere (anche) una bambina pur essendo biologicamente maschio. Accettato fin da subito per quello che è, perché nessuno di noi ci ha mai visto nulla di male». Il pezzo è coronato da un video-racconto, composto da immagini e parole dove la madre spiega: “Lui mi ha guardato e ha detto: «Mamma quand’è che posso cominciare io a diventare femmina?»”. E poi: «Forse non aveva ancora due anni, mentre io facevo un repulisti degli armadi, ha visto uscire dagli armadi dei vestitini della sorella di quando era piccolina – che tra l’altro non aveva mai messo perché piacevano solo a me, per cui erano rimasti sempre nell’armadio – ha visto questi vestiti si è illuminato e da lì è stato sempre e solo con questi vestitini». La giornalista Alessandra Di Pietro chiede alla signora Camilla quali siano i pensieri che nutre per il futuro del figlio e la madre risponde che desidera battersi perché suo figlio e gli altri bambini come lui “possano avere un percorso di crescita seguito e sicuro”. Così afferma nell’intervista:
Leggi anche: Non capisci l’ideologia Gender? Ti basta questo video di un minuto e mezzo «Per le creature genderfluid e transgender è salvifico un protocollo di somministrazione dei bloccanti, gli stessi già regolarmente usati per la pubertà precoce. Si tratta di inibitori ipotalamici che bloccano la produzione degli ormoni e ritardano quindi l’arrivo della pubertà ormai sempre più precoce lasciando il tempo di maturare la decisione riguardo la propria transizione verso il sesso a cui si sente di appartenere senza la pressione psicologica di un corpo che cambia che può inevitabilmente portare a comportamenti disforici. Tale protocollo creato in Olanda e utilizzato in molti paesi del mondo, in Italia, purtroppo, è ammesso solo in caso di pericolo di vita, ovvero se il ragazzo, disperato, ha tentato il suicidio». Consapevoli della serietà e della delicatezza del tema, spesso trattato da giornali e quotidiani con superficialità, talvolta per farne una bandiera ideologica, abbiamo raggiunto al telefono la dottoressa Daniela Notarfonso, direttrice del Centro Famiglia e Vita di Aprilia, Consultorio della Diocesi di Albano, per commentare con lei l’articolo. «Quello che mi ha colpito di questa storia è soprattutto un aspetto: la mamma, per difendere il figlio dagli stereotipi di genere è come se gli imponesse un altro stereotipo, afferma in poche parole che siccome il bambino veste di rosa, o ha i capelli lunghi, questo vuol dire che è gender fluid. Mi sembra un passaggio frettoloso, bisognerebbe partire da una realtà concreta: il bambino va custodito, protetto, accompagnato, non gli va imposta un’etichetta, e dire “mio figlio è gender fluid” rischia di esserlo. Per togliergli un’etichetta gliene viene messa un’altra che è ancora più definitiva». E prosegue la dottoressa: «Quando i miei figli andavano all’asilo ricordo che lo spazio cucinetta era affollatissimo: tutti, maschi e femmine, litigavano per poter stare lì, ma questo non si rifletteva in un discorso riguardo la loro identità sessuale. Non mi formalizzerei sull’aspetto esteriore, sulle questioni esterne, formali, il colore rosa per le femmine e l’azzurro per i maschi, mia figlia non l’ho vestita di rosa perché è un colore che non mi è mai piaciuto, ma queste sono banalità, il rosa è stato sdoganato da anni come colore indossato anche dagli uomini, l’identità sessuale è un’altra cosa».
Leggi anche: Sono un gatto? Come l’ideologia gender porta a negare la realtà E per quanto riguarda il trattamento ormonale? «L’aspetto più preoccupante dell’articolo, mi sembra l’idea di trattare farmacologicamente questi bambini somministrando loro ormoni per ritardare la pubertà, questo è davvero sconcertante: noi pensiamo che ritardare la pubertà in quel bambino voglia dire lasciargli più tempo per decidere, mentre a mio parere in questo modo si lascia più tempo per strutturare l’ambiguità, questa è il pericolo più grande, trattare farmacologicamente con ormoni un bambino di otto, nove, dieci anni. Solitamente si attua un piano simile solo se c’è una pubertà precoce, perché gli ormoni non sono mai neutri, soprattutto quando agiscono su un corpo in evoluzione. Questa è la cosa più allarmante». La ringrazio per il suo commento dottoressa. Le volevo chiedere: un bambino di due anni (l’età che aveva il figlio della signora Camilla quando “si è illuminato” di fronte ai vestiti della sorella), o di otto, nove, o dieci anni, può avere una personalità strutturata per decidere chi essere, cosa indossare e come sentirsi? «Quando la mamma dice: mio figlio ha detto “io sono così, perché devo essere o maschio o femmina?” equivale a quando un bambino dice da piccolino “io da grande voglio fare l’ingegnere, il gelataio e l’astronauta”: l’identità, le aspirazioni, ciò che un individuo diventerà sono realtà che si costruiscono giorno per giorno attraverso una relazione ed un interscambio tra la realtà personale e l’ambiente in cui una persona è inserita. I capelli lunghi, uniti all’abbigliamento femminile, ai giochi da bambina, attengono al campo delle caratteristiche socio-culturali che una società assegna ad un sesso piuttosto che ad un altro da soli non ci dicono nulla riguardo la fluidità del genere. Per questo dico che il rischio è che per paura degli stereotipi e delle costrizioni si costruiscano stereotipi contrari non meno influenti e invasivi sullo sviluppo della personalità di un bambino». Così conclude la dottoressa Notarfonso:
«La libertà di un bambino va sempre guidata, il piccolo va contenuto, accompagnato, custodito perché lui da solo non sa qual è il so bene, questo non vuol dire che bisogna imporgli ruoli stereotipati: l’educazione è un “gioco” fatto di ascolto e di guida, di accompagnamento educativo. La posizione che viene manifestata dalla signora Camilla – senza voler in alcun modo giudicare la sua scelta, non conosco abbastanza questa storia e non voglio farlo – sicuramente preoccupata per la felicità del figlio, è che “non è il bambino a dover cambiare, il figlio deve potersi esprimere liberamente, ma è la società che deve accettarlo”. Capiamo che la questione, posta in questa maniera, può divenire facilmente una battaglia politica e ideologica». http://it.aleteia.org/2017/04/04/genitori-confusi-educazione-figli-genderfluid-teoria-gender-sessualita/?utm_campaign=NL_it&utm_source=daily_newsletter&utm_medium=mail&utm_content=NL_it

Jonathan Sacks / NON NEL NOME DI DIO / Giuntina

“Quando la religione trasforma gli uomini in assassini, Dio piange”. Si apre con queste parole, ispirate dal libro della Genesi, l’ultimo libro di Rav Jonathan Sacks, dedicato alla violenza commessa in nome della religione.
“Non nel nome di Dio – Confrontarsi con la violenza religiosa”, edito in Italia da Giuntina, ripercorre ed esplora in profondità le radici dell’odio religioso. Concentrandosi su ebraismo, cristianesimo e islam, Sacks, per più di vent’anni e fino al 2013 Rabbino Capo del Commonwealth, pensatore e autorità morale riconosciuta a livello internazionale, indaga le ragioni per cui anche la più compassionevole delle fedi possa essere corrotta dalla violenza, quando la lettura dei testi si cristallizza e cessa di rinnovarsi nel tempo.
Questo libro – si legge nella presentazione – è un richiamo accorato e severo per tutti coloro che hanno smarrito la via e uccidono nel nome del Dio della vita, fanno la guerra nel nome del Dio della pace e praticano la crudeltà nel nome del Dio della compassione.
Il testo di Sacks confuta le tesi che vorrebbero assegnare alle religioni le colpe per tutti i mali del mondo. Piuttosto, vuole indagare le modalità con le quali il radicalismo agisce, irretendo le giovani generazioni, per lanciare un monito.

Marco Di Porto
Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Joseph Ratzinger e il percorso del Dialogo
img header
Giovan Battista Brunori / BENEDETTO XVI. FEDE E PROFEZIA DEL PRIMO PAPA EMERITO DELLA STORIA / Edizioni Paoline

A pochi giorni dal suo novantesimo compleanno, esce nelle librerie un importante lavoro sulla figura di Joseph Ratzinger: Benedetto XVI Fede e profezia del primo Papa emerito della storia, pubblicato dalle Edizioni Paoline.
Un lavoro denso e appassionato, in cui l’autore – Giovan Battista Brunori, giornalista del TG2 esperto di vicende vaticane e religiose – abbraccia la figura di Benedetto XVI in una molteplicità di sfumature. Compresa l’intensa relazione con il mondo ebraico. Diverse le tappe su cui Brunori si sofferma, mettendo in luce quello che appare un “legame speciale” tra il papa tedesco e il popolo dell’imprescindibile radice che spesso richiamerà con gratitudine nei suoi studi, nei suoi libri e nelle sue omelie.
Diverse pagine del libro di Brunori sono dedicate alla visita nella sinagoga di Roma compiuta da Ratzinger sulla scia di Karol Wojtyla, primo pontefice a varcarne la soglia, ma anche al precedente viaggio effettuato in Israele e Medio Oriente. Non vengono comunque tralasciate alcune questioni laceranti, come il complesso caso della revoca della scomunica dei “lefebvriani”. Tensione ancora aperta, tema che ancora oggi fa discutere e non può essere ignorato nel cammino, positivo, ma non sgombro da ostacoli, del Dialogo.

Adam Smulevich

Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Un lessico familiare,
ma più complicato

Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Che talento, questo Oz

Elena Lappin / IN CHE LINGUA SOGNO? / Einaudi

Da consigliare come libro di testo nelle scuole. Con In che lingua sogno? Elena Lappin ha scritto un memoir che fa bene a chi lo legge. Non che il testo abbia esplicite pretese didascalico-educative, tutt’ altro. La protagonista ci raccontale difficoltà di una vita fatta di una successione di dolorosi espatri, da Mosca alla Praga della primavera di Dubcek, dalla Praga della repressione del Patto di Varsavia a una Amburgo con sgradevoli accenti antisemiti, alla Tel Aviv della guerra del Kippur, da Ottawa ad Haifa e poi a New York e a Londra. Ogni tappa porta con sé difficoltà di adattamento, una nuova lingua da imparare e nella quale imparare a riconoscersi, nuovi costumi fra i quali destreggiarsi. Insomma, ci racconta le tante asperità di una vita complicata.

Antonio Steffenoni
Il Venerdì
31 marzo 2017
Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Amos Oz / TOCCA L’ACQUA, TOCCA IL VENTO / Feltrinelli

Un romanzo dice parecchio di chi l’ha scritto, certo, ma anche di chi l’ha letto, di chi si accinge a farlo, e persino di chi non lo leggerà mai. Ce ne sono alcuni di cui non ricordiamo niente se non quando e dove li abbiamo divorati; di altri sappiamo solo che non ci piacquero ma abbiamo scordato il perché. Mi scuserete allora se stavolta, a rischio di auto-compiacermi, mi soffermerò, almeno di primo acchito, su questo aspetto della faccenda. Come tutti quelli che fanno il mio mestiere mi capita di ricevere libri. Il che è solo in apparenza un vantaggio. Preferisco comprarli. L’acquisto stabilisce tra te e un romanzo una relazione più leale: allo stesso tempo intima e impegnativa.
Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Alessandro Piperno
Corriere La Lettura
2 aprile 2017
Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Le domande di Jonathan Safran Foer
img headerJonathan Safran Foer / ECCOMI / Guanda

Una crisi coniugale, un terremoto che con i suoi effetti devastanti destabilizzerà il destino del Medio Oriente e di Israele. Sono i due piani narrativi che si intersecano nell’ultimo romanzo Eccomi di Jonathan Safran Foer (Guanda, 2016). “Eccomi” risponde Abramo prontamente a D-o, quando gli viene chiesto di sacrificare il proprio figlio Isacco. Ma cosa è disposto a sacrificare Jacob, il protagonista, per la sua famiglia e per la salvezza di Israele? Cosa saremmo disposti a sacrificare noi in un’eventuale chiamata?
Jacob è un antieroe tipico della postmodernità, un everyman che potrebbe ricordare A Serious Man dei fratelli Cohen ma anche un qualunque personaggio rothiano, il suo dramma è radicato all’interno di una questione identitaria che coinvolge il suo essere uomo, marito, padre ed ebreo. La sua appartenenza all’ebraismo come quella degli altri protagonisti del libro vacilla, è sfumata e areligiosa, ridotta a dei rituali ormai privi del proprio significato originario o completamente liquidi e reinventati.

Francesco Moises Bassano

============================
Teoria del gender: come ridicolizzarla in due minuti, prendendola sul serio. Forse non c’è modo migliore di smascherare la follia degli studi gender con l’ironia. Ognuno può essere “quel che si sente”, indipendentemente dal suo sesso biologico, afferma infatti la teoria di genere. Non solo uomo e donna, quindi, ma spazio aperto alla fantasia. Secondo la Australian human rights commissione Esisterebbero ben 23 generi sessuali: omosessuali, bisessuali, transgender, trans, transessuali, intersex, androgini, agender, crossdresser, drag king, drag queen, genderfluid, genderqueer, intergender, neutrois, pansessuali, pan gender, third gender, third sex, sistergirl e brotherboy. Anche se in realtà c’è chi non si riconosce nemmeno in essi ed è una forma di discriminazione non considerare chi si “sente” qualcos’altro oltre alla stretta catalogazione della commissione australiana. Chi volesse davvero non discriminare nessuno, inoltre, dovrebbe citare tutte le migliaia di generi inclusivi possibili quando si rivolge ad un platea, non limitandosi a “signori e signore”. Una società davvero inclusiva deve aprirsi al diverso e alla diversità. Steffen Königer, deputato del parlamento regionale di Brandeburgo (Germania) ha voluto prendere sul serio la comunità Lgbt e il 9 giugno scorso è intervenuto a nome del suo partito, l’Alternative für Deutschland (AFD), in risposta ad una proposta dei Verdi per “l’accettazione della diversità, dei generi sessuali e dell’autodeterminazione contro l’omofobia a Brandeburgo”, utilizzando un linguaggio “inclusivo” e “non discriminatorio”. Dopo aver cortesemente salutato il presidente del parlamento, ha voluto introdurre il suo discorso salutando tutti i più noti (e presunti) generi sessuali: «gentili signore e signori, gentili omosessuali, gentili lesbiche, gentili androgini, gentili bi-genders, gentili transessuali…». I saluti sono durati due minuti, al termine dei quali ha espresso, in due secondi, la posizione contraria del suo partito alla proposta. Il video, qui sotto, è diventato ben presto virale, aprendo gli occhi di molti sull’omo-follia dell’esistenza di un genere separato dal sesso biologico. Tesi respinta perfino da una delle più attive militanti arcobaleno d’Italia, la filosofa Michela Marzano, che ha affermato: «il corpo non è solo qualcosa che si “ha”, ma anche e soprattutto qualcosa che si “è”, prima della certezza che è la vita che impone il corpo a ognuno di noi e che non possiamo sbarazzarcene senza sbarazzarci al tempo stesso della nostra esistenza. Il nuovo mito, oggi, è proprio questo: cancellare ogni dipendenza. Non solo le dipendenze affettive, ma anche quelle biologiche. Il corpo fa resistenza. La realtà non si piega, altrimenti si rischia di pervertire la volontà di potenza e, credendosi onnipotenti, ci si dimentica che l’immutabile che è nell’anima lo si raggiunge solo contemplando l’immutabile che è nel corpo». Nessuno nasce nel “corpo sbagliato”, perché il corpo è ciò che si è.

https://youtu.be/SAHvLAJ-5aQ 60 different Genders – Leftist LGBTTQQ-Proposal ridiculed by AfD Politician in German Parliament Face of a dying Nation – Backup. 475.492 visualizzazioni
Pubblicato il 10 giu 2016
AfD politician Steffen Königer ridiculed the Greens in the Brandenburg Parliament for their proposal of a “Campaign for Acceptance of Gender and Sexual diversity, Self-Determination and against Homo and Trans*-phobia in Brandenburg” as well as “Giving equal rights and societal equality for LGBTTQQ (Lesbian, Gay, Bi-sexual, Trans, Two-spirit, Queer, Questioning) people in Brandenburg” by quoting 60 of the Genders considered by Leftists to be actual identities – they’re straight from Facebook’s Gender option list.

He finished his introduction of almost 3 minutes by stating that his party rejects the proposal.

Some Genders have different names in German, so I translated them literally.
Full List of Genders, official English version:

Gentlemen, ladies, agender, androgyne, androgynous, bigender, cisgender, cis female, cis male, cis men, cis women, cisgender females, cisgender males, cisgender men, cisgender women, females to males, FTM, gender fluid, gender nonconforming, gender questioning, gender variant, genderqueer, intersex, males to females, MTF, neither, neutrois, non-binary, other, pangender, trans, trans*, trans females, trans* females, trans males, trans* males, trans men, trans* men, trans people, trans* people, trans women, trans* women, transfeminine, transgender, transgender females, transgender males, transgender men, transgender people, transgender women, transmasculine, transsexual, transsexual females, transsexual males, transsexual men, transsexual people, transsexual women, people of spirit, womyn, womyn*, two-spirit, three-spirit, four-spirit, Other

The Greens are notorious for their efforts to legalize Pedophilia and normalize transsexuality for children – high ranking party officials like Daniel Cohn-Bendit openly spoke about their sexual experiences with kindergardeners.The party also stands for a complete abolishment of Germany’s national borders: The “Green Youth” division prides itself with posting pictures of members urinating on the German flag on social media. They also support the mass influx of millions of young, fertile Muslim men to “thin out” the German people as Joschka Fischer, former Foreign Minister, put it.

For these reasons the Greens are accused of putting forward the proposals, camouflaged as promoting “tolerance”, in a deliberate attempt to destroy the traditional family and further lower German birth rates.

The Gender insanity has reached critical levels in Germany: Soon it may become a hate-crime to imply that there are only two genders as it has already become for opposing mass immigration.
Every paper, letter or official statement has to be “gendered” by including additional symbols for two or more genders to avoid discrimination accusations, for example “Sehr geehrte(r) Herr/Frau”, “Sehr geehrte Student*innen” or “Sehr geehrte Studierende” (new Neutral form) is used to address males or females and students respectively rather than using the terminology that was common for centuries.

This is considered by many as an attack on the German language as well as poisoning to the minds of schoolchildren and university students. Much-needed funds for infrastructure are allocated to discuss the need for 3rd bathrooms and rewriting government templates to be gender-conform, possibly costing millions each.

A very loud, tiny minority now forces their insane ideology on the heterosexual society, calling anybody that disagrees with their policies a “homophobe” or bigot. Despite making up just a small percentage of the general population, transsexuals and homosexuals are ubiquitous on Television, in movies, newspapers and billboards. Children in as early as 4th grade are subjected to explicit sex education, including homosexuality and trans-sexuality. Parents are afraid to speak up in fear of being called homophobe.

This out-of-control political correctness has also lead to huge taxpayer funding of absurd university courses. For example the ruling parties (Green and CDU) in the State of Baden-Württemberg stated in their program that the most important scientific fields for research to keep Germany competitive are “Gender Studies”, political sciences, Philosophy and the Arts. It is no surprise that this mindset produces insane proposals as the one put forward by the Greens.

Frustrated Germans who are fed up with the insanity of Gender-Ideology and want a healthy, normal family and their tax dollars spent on their own people rather than foreigners or a screeching minority of cultural Marxists found hope in the new Alternative for Germany, which got up to 25% of votes in some states from the get-go.

Gli Stati Uniti aprono un nuovo fronte in Siria, di sitoaurora Valentin Vasilescu, Reseau International, 4 aprile 2017Raqqa, capitale dello Stato islamico, è isolata da nord, ovest e in parte est entro un raggio di 20-35 km, dalle forze democratiche siriane create e dirette dall’esercito degli Stati Uniti. L’unico collegamento dei difensori di Raqqa con gli altri territori in loro possesso è da sud. A 45 km a sud-ovest di Raqqa c’è Tabaqa, importante avamposto per la difesa della capitale dello stato islamico, sulle rive dell’Eufrate. Dopo la liberazione della città di Dayr Hafar, l’Esercito arabo siriano avanza verso Tabqa lungo la riva meridionale del lago Assad, a 40 km dalla città. La diga di Tabaqa, ad ovest della città, è un obiettivo strategico. Costruita negli anni ’60-’70 con l’appoggio dell’URSS, è lunga 4,5 km e produce il 35% dell’energia elettrica della Siria. Tra Tabaqa e Raqqa, a 20 km dalla diga, c’è una piccola diga sull’Eufrate chiamata Baath.
Nella notte del 21-22 marzo 2017, l’esercito statunitense scatenava in Siria un’operazione aerea combinata, inizialmente con circa 80 soldati delle forze speciali del 75° Reggimento Ranger, e 400 combattenti curdi delle YPG delle SDF (Forze democratiche siriane). Lo scopo dell’operazione è occupare un’area d’importanza strategica sulla sponda meridionale del lago Assad e dell’Eufrate. La zona è delimitata ad ovest da una porzione della strada tra Aleppo e Tabaqa, al centro da diga e base aerea di Tabaqa, ed ad est da una porzione della strada tra Raqqa e Tabaqa. Tale operazione fu avanzata almeno di una settimana dalle manovre dell’Esercito arabo siriano, occupato nell’assalto alla base militare di Jarah difesa dai terroristi dello Stato islamico, creando così le condizioni che impediscono di partecipare alla liberazione di Raqqa dallo Stato islamico. L’operazione iniziava 48 ore prima dell’arrivo delle truppe con quasi 50 attacchi aerei su obiettivi dello Stato islamico da parte degli aerei della coalizione guidata dagli Stati Uniti. Gli obiettivi erano punti di resistenza, depositi di munizioni e 50 veicoli da combattimento dello Stato islamico, situati nella città di Tabaqa, presso la base aerea e nei pressi della diga. Dopo il tramonto, circa 75 marines del 11.ma Unità di Spedizione degli USA attraversavano il lago Assad a bordo di gommoni. La missione era creare una zona sicura di sorvolo per gli aerei degli Stati Uniti sulla riva meridionale del lago, purificata dai combattenti dello Stato islamico. Intorno alle 4:00 del 22 marzo, dalla zona d’imbarco aereo a nord della città di Jabar, sulla sponda settentrionale del Lago di Assad, decollavano circa 30 elicotteri MH-47E e convertiplani OV-22 Osprey del 160.mo Reggimento d’assalto aereo per le operazioni speciali statunitense. Il velivolo a decollo/atterraggio verticale OV-22 Osprey combina le caratteristiche di volo dell’aereo e dell’elicottero, perché le sue ali supportano due motori che possono variare la posizione di 90 gradi attorno all’asse trasversale del velivolo. L’OV-22 può trasportare 24 soldati o un veicolo 4×4 Phantom Badger e presenta, oltre a un’arma su un portello, una mitragliatrice rotante a sei canne (da 7,62mm e rateo di 6000 proiettili al minuto) telecomandata e posta sotto il ventre del velivolo. L’OV-22 può difendere la zona di atterraggio nell’emisfero posteriore e ai lati.
Nella rotta presso la penisola Abu Hurayrah, dove era decisa la zona di atterraggio, la protezione degli aeromobili era demandata agli elicotteri d’attacco AH-64 Apache. 124 altri marines degli Stati Uniti dell’11.ma Unità di Spedizione furono schierati nei pressi del villaggio di Jabar, con una batteria di M777 Howitzer da 155mm ed elicotteri AH-64 Apache che neutralizzavano ogni tentativo dei combattenti dello Stato islamico di accerchiare le zone di atterraggio. L’M777 Excalibur lancia missili ad ad alta precisione con gittata di 40 km e una precisione di 4-10 m con il GPS. Il Colonnello-Generale Sergej Rudskoi, Capo di Stato Maggiore delle operazioni dell’esercito russo, dichiarava che proiettili da 155mm e bombe sganciate dagli aerei della coalizione anti-Stato islamico sotto il comando degli Stati Uniti potevano danneggiare la diga di Tabaqa, con il rischio di inondazioni. La distanza tra le zone d’imbarco di Jabar e di sbarco di Abu Hurayrah è di 25 km. Ciò significa che fino alle 08.00 del 22 marzo gli aerei statunitensi compirono almeno 60 viaggi trasportando 480 soldati, armi, munizioni, cibo, attrezzature, ecc. Si noti che l’elicottero MH-47E può trasportare i blindati leggeri Humvee del 75° Reggimento Ranger. Il primo aereo trasportò esclusivamente soldati e blindati statunitensi. L’elicottero MH-47E può trasportare 22-35 soldati o armi e munizioni per 10886 kg, e può difendersi con una mitragliatrice da 7,62 mm disposta nel portello aperto di coda. La missione degli 80 soldati del 75° Reggimento Ranger era tracciare le due aree di atterraggio sulla penisola di Abu Hurayrah. La sera del 22 marzo una testa di ponte fu stabilita sulla riva meridionale del lago di Assad, e circa 3000 combattenti delle SDF e 300 marines delle forze speciali USA vi furono trasportati per via aerea. Inoltre, i marines fornirono le imbarcazioni per schierare i mezzi pesanti delle SDF (Humvee, veicoli corazzati, mortai, artiglieria, bulldozer) sulla riva sud dell’Eufrate. Poi, la base aerea di Tabaqa fu presa e la maggior parte delle truppe dispiegate a 10 km a est verso la diga Baath, per evitare che lo Stato islamico inviasse truppe da Raqqa. A causa del rischio di distruzione della diga di Tabaqa, il piano operativo iniziale fu modificato, quando le truppe delle SDF alla sua estremità settentrionale rinunciarono a prenderla, perdendo così l’opportunità di aprire una via per inviare truppe delle SDF sulla riva meridionale del lago Assad. I soldati sbarcati dai velivoli statunitensi perseguivano due obiettivi: accerchiare i combattenti dello Stato Islamico a Tabaqa e occupare la diga Baath. Attraversando la diga Baath, le SDF giungevano dietro le difese dello Stato islamico, sulla riva nord dell’Eufrate. Così, le SDF univano le truppe su entrambe le sponde.
La città di Raqqa si trova sulla riva nord del fiume Eufrate. Occupando la diga Baath, le SDF avvolgerebbero le difese avanzate dello Stato Islamico ad ovest e sulla riva sud dell’Eufrate, di fronte a Raqqa, circondando completamente la capitale dello Stato islamico. Questa nuova operazione terminerà quando i combattenti dello Stato Islamico di Tabqa si arrenderanno o saranno distrutti, e non ci sarà alcuna lacuna nell’accerchiamento della città. Lo scopo dell’operazione è impedire che lo Stato islamico riceva rinforzi da Dayr al-Zur e Iraq.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora
sitoaurora | aprile 4, 2017 alle 15:47 | Etichette: agenti d’influenza, Al-Qaeda, Aleppo, Ankara, anti-egemonia, anti-egemonismo, anti-terrorismo, antiatlantismo, antimperialismo, antiterrorismo, Arabia Saudita, Asia del sud-ovest, Asse della resistenza, asse sciita, atlantismo, black operation, Blocco antiegemonico, blocco eurasiatico, CIA, circo mediatico, colonialismo, commando, commandos, complesso mediatico-disinformativo, controguerriglia, controinsurrezione, controterrorismo, covert operation, Covert Operations, curdi, Damasco, disinformazione, disinformazione strategica, Esercito Arabo Siriano, esercito russo, esercito siriano, Federazione Russa, forze armate russe, Forze speciali, geo-influenza, Geoeconomia, geoinfluenza, Geopolitica, Geostrategia, Giordania, Grande Medio Oriente, guerra a bassa intensità, guerra asimmetrica, guerra coperta, guerra d’influenza, guerra d’informazione, guerra d’intelligence, guerra di 4.ta generazione, guerra mediatica, guerra per procura, Imperialismo, infiltrazione, intelligence, intelligence militare, intelligence russa, invasione, invasioni, invasori, islamismo, islamisti, islamo-atlantismo, islamo-imperialismo, islamo-sionismo, Kurdistan, Kurdistan Regional Government, Kurdistan Workers Party, legione islamista, medici senza frontiere, Medio oriente, medioriente, Mediterraneo, missioni segrete, Mondo Multipolare, Mosca, multipolarismo, neocolonialismo, neocon, neoconservatori, neoimperialismo, Nuovo ordine mondiale, operazioni belliche, operazioni coperte, operazioni speciali, Politica della difesa, politica della sicurezza, politica internazionale, politica regionale, psy-op, psy-ops, psy-war, psywar, Repubblica araba di Siria, Repubblica Araba Siriana, ricognizione strategica, Russia, sabotaggi, sabotatori, servizi di sicurezza, servizi segreti, sfera d’influenza, Siria, sovranismo, sovranità, sovversione, sovversivismo, spionaggio, Stati Uniti, strategia, taqfirismo, tattica, tattiche, terrorismo, terroristi, truppe speciali, Turchia, USA, vicino oriente | Categorie: Covert Operation, Difesa, Imperialismo | URL: http://wp.me/p1qi5U-7ls

==================
Il KGB della Bielorussia arresta gli agenti neonazisti ucraini
di sitoaurora Grigor Jurchenko, Rivista Politico-Militare, 3 aprile 2017 – Fort Russ Il 25 marzo, durante il tentativo di tenere il cosiddetto Freedom Day in Bielorussia, il militante dell’opposizione Denis Ivashin di Grodno veniva arrestato, indicando il possibile coinvolgimento delle forze per le operazioni speciali ucraine nell’organizzazione delle manifestazioni non autorizzate in Bielorussia. Denis Ivashin è noto nei circoli dell’opposizione radicale in Bielorussia per aver partecipato ai moti di Kiev nei primi mesi del 2014. Poi incontrò l’intelligence ucraina. Ivashin è strettamente legato alle forze per le operazioni d’informazione e psicologiche delle forze speciali delle Forze Armate dell’Ucraina. È anche editore del sito di propaganda InformNapalm, che appartiene al 72.mo Centro per le operazioni speciali informativo-psicologiche ucraino. L’arresto di Ivashin a Minsk è stato riportato dal caporedattore del sito in questione, un ufficiale del 72.mo Centro che si nasconde sotto lo pseudonimo di Roman Burko. In seguito l’incidente fu segnalato dal gruppo InformNapalm ucraino. È interessante notare che il 25 marzo, a Grodno, un’azione autorizzata del Freedom Day ebbe luogo raccogliendo circa 150 persone. Ivashin, tuttavia, apparentemente ebbe l’ordine di partecipare alle manifestazioni a Minsk.
Sulla sua pagina Facebook, Ivashin indicava che il 23 marzo era stato invitato presso la stazione di polizia per discutere della sua partecipazione al Freedom Day a Grodno, ma si rifiutò di comparire senza una convocazione ufficiale. Inoltre, aveva attivamente consigliato gli altri su come evitare di essere arrestati o multati durante i disordini e come comunicare senza temere il controllo dell’intelligence bielorussa tramite l’applicazione FireChat. Poco prima delle proteste, il KGB della Bielorussia annunciava l’arresto degli attivisti delle organizzazioni Legione bianca e Fronte giovanile. Durante gli arresti, armi, munizioni e simboli dei gruppi di estrema destra ucraini furono sequestrati. Secondo gli agenti di sicurezza bielorussi, le armi dovevano essere usate per organizzare provocazioni durante le proteste del 25 marzo. Inoltre, secondo il Comitato per la sicurezza dello Stato (KGB), anche militanti giunti in Bielorussia dal territorio ucraino venivano scoperti. Come è noto, uno degli obiettivi delle forze speciali ucraine è organizzare “movimenti di resistenza” sui territori di altri Paesi. La Bielorussia doveva probabilmente divenire il banco di prova delle forze speciali ucraine. A tal proposito, è piuttosto probabile che non fosse un caso che Ivashin apparisse a Minsk. Il suo incarico era probabilmente operare sotto le mentite spoglie di giornalista nel bel mezzo del caos, per registrare il “lavoro” dei colleghi ucraini. Tuttavia, grazie alle azioni coordinate delle forze di sicurezza bielorusse, le provocazioni venivano impedite e Ivashin veniva neutralizzato.
Non è la prima volta che la Rivista Politico-Militare attira l’attenzione sulle attività distruttive dei servizi segreti ucraini, compresi quelli dipendenti dal ministero della Difesa dell’Ucraina in Bielorussia. I siti informnapalm.org, seabreeze.org.ua, podvodka.info, petrimazepa.com e altri appartenenti al Centro per le operazioni speciali d’informazione e psicologica ucraino, diffondono costantemente propaganda negativa contro lo Stato bielorusso. E Denis Ivashin l’aiuta; le sue azioni rientrano in numerosi articoli del codice penale. E’ incoraggiante che il KGB della Bielorussia abbia finalmente capito chi sia Ivashin.

GENDER IN PILLOLE: TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE
Il primo manuale educativo anti-gender del Vaticano
Teoria del gender: come ridicolizzarla in due minuti, prendendola sul serio
L’identità sessuale e gli «eunuchi per il Regno dei cieli»
Sono un gatto? Come l’ideologia gender porta a negare la realtà
Trapianto dell’utero in uomo, culmine della deriva gender
I vademecum anti-gender nelle scuole che tutti i genitori dovrebbero avere
#‎GenderRevolution – Il video inchiesta sull’ideologia Gender
Gender: quella strana paura della differenza uomo-donna

Gentile sostenitore,

siamo entrati nella quinta settimana di Quaresima, la settimana che precede la settimana Santa!

In questo tempo di Quaresima abbiamo pregato molto e per molte persone che si trovano ad affrontare difficoltà anche molto diverse.

Così vorrei cogliere l’occasione di questa ultima settimana dedicata alla preghiera per invitarti a rivolgere le tue invocazioni a favore di coloro che non hanno un lavoro.

Nel lavoro quotidiano ogni uomo trova non solo la realizzazione personale, ma anche la possibilità di essere responsabile degli altri, di prendersi cura della propria famiglia e dei propri figli.

È continuamente sotto i nostri occhi come l’attuale situazione di mancanza di lavoro crei situazioni di grande povertà economica. ma anche umana e spirituale.

Per questa quinta settimana di Quaresima ti invito quindi a rivolgere le tue preghiere verso tutti quegli uomini e quelle donne che sono disoccupati, che in questo momento stanno attraversando la sofferenza di non poter provvedere al pane quotidiano.

La mia intenzione di preghiera per i disoccupati!

Sono certo che anche tu hai incrociato nella tua vita questo tipo di dolore; magari un tuo caro o un amico o anche tu stesso.

In quei momenti di buoi, la preghiera personale e di altri può essere la luce che rischiara nuovamente il cammino; un primo aiuto per rialzarsi e non lasciarsi sopraffare dalla desolazione.

Lascia la tua preghiera per i disoccupati, affinché certi di non essere soli, ma accompagnati innanzitutto dal Signore Gesù, possano trovare la forza per tornare a cercare e finalmente trovare un nuovo lavoro.

La mia intenzione di preghiera per i disoccupati!

Nella Via Crucis di venerdì prossimo, che verrà recitata come sempre da un sacerdote amico di Luci sull’Est, saranno infatti ricordate quindi le intenzioni di preghiera dei sostenitori di Luci sull’Est rivolte ai disoccupati.

Insieme pregheremo perché il Signore Gesù e la Vergine Maria siano sempre vicino a loro!

La mia intenzione di preghiera per i disoccupati!

Potrai inviarmi le tue intenzioni di preghiera fino a mezzogiorno di giovedì, così da poterle consegnare in serata al sacerdote per la celebrazione della Via Crucis di venerdì 7 aprile.

La mia intenzione di preghiera per i disoccupati!

Preghiamo insieme Gesù e Maria, preghiamo insieme per i disoccupati!

Un caro saluto,

Nelson Fragelli

Presidente Associazione Luci sull’Est

P.S.: Venerdì 7 aprile sarà recitata una Via Crucis in cui verranno ricordate le intenzioni di preghiera dei sostenitori di Luci sull’Est dedicate ai disoccupati.

Hai tempo fino a mezzogiorno di giovedì 6 aprile per inviarmi le tue personali intenzioni di preghiera. Non perdere questa occasione!

Sostieni le attività di apostolato di Luci sull’Est!

Fai la tua donazione!

Associazione Luci sull’Est

Hai ricevuto questo messaggio perchè in passato sei stato interessato ad una delle nostre iniziative. Se non vuoi più ricevere messaggi su questa campagna, disiscriviti.

Ecco cosa ho vissuto affittando il mio utero 5 volte

Giusy Buscemi: «L’amore di Dio esiste, e io l’ho trovato»

Sapevate che la prima femminista d’America è stata una suora?

Felicemente sposati ma…in letti separati

Sei felice di essere una donna single? E sei grata per questo?

Leggi questa email nel tuo browser

martedì 04 aprile 2017


Giovanni Marcotullio
Sant’Isidoro di Siviglia, patrono (morale) di Internet. Parola di due papi

Continua a leggere


Silvia Lucchetti
Genitori confusi sul genderfluid

Una pericolosa battaglia ideologica che rischia di causare gravi danni ai nostri figli

Continua a leggere


Gelsomino Del Guercio
Nuova apertura ai lefevbriani: ora potranno celebrare anche i matrimoni

La Commissione Ecclesia Dei detta le condizioni. Papa Francesco approva il nuovo passo verso la ricucitura dei rapporti

Continua a leggere


Giovanni Marcotullio
Amoris Laetitia: la nota “a luci rosse” di san Tommaso d’Aquino che non avete letto

Nel paragrafo in cui il papa parla della quantità e qualità dei rapporti sessuali tra marito e moglie

Continua a leggere


Aleteia
L’appello di Francesco per i giovani

Le intenzioni di Preghiera del Papa per il mese di Aprile …


Mons. Jacques Perrier
Perché non ci sono donne sacerdote nella Chiesa cattolica?

Non è una questione di disciplina o di …


Blanca de Ugarte
Il ‘lagom’ e la ricerca della felicità in salsa svedese

Dopo il ‘hygge’, dalla Scandinavia un’altra filosofia per raggiungere il “successo” mediante la moderazione


Adriana Bello
5 usi cosmetici del caffè

Buono sia per la colazione che per la pelle


Radio Vaticana
Papa Francesco: Crocifisso, non solo simbolo di appartenenza, ma segno dell’amore di Dio

Così il pontefice durante l’omelia a Santa Marta


Paola Belletti
Della vera ecologia: perché vado a confessarmi e a fare la Santa Comunione


Chris Bray
La chiamata alla fede di “King in His Kingdom”

Preparatevi a battere le mani…


Miriam Diez Bosch
Per una discussione adulta: 10 compiti dell’intellettuale cattolico

Provocanti. Esigenti. Urgenti


Daniel R. Esparza
Perché dobbiamo le sette note a Giovanni il Battista

Guido D’Arezzo, l’inventore della moderna notazione musicale, ha nominato le sue note con un acrostico tratto da un inno per la festa del santo


Caroline Becker
10 cose che forse ignoravate su Johann Sebastian Bach

Le sue opere sacre elevano la nostra anima e ci avvicinano a Dio


Best of Web
Madre “muore” appena nasce la figlia, ma quando gliela mettono sul petto accade un miracolo

“Mi ha salvato la vita”, ha detto la donna


Alver Metalli
Un protestante al servizio del Papa

Dialogando con Marcelo Figueroa, ideatore e responsabile dell’edizione argentina dell’Osservatore Romano


Best of Web
Star brasiliana supera la malattia e riscopre il valore della vita

Un incredibile esempio di superamento


Gelsomino Del Guercio
L’emozionante incontro tra il Papa e la bimba cieca che gli accarezza il volto 

Senza categoria, youtube 666 vs JHWH holy, yuan, Yuletide Carol-Singers Arrested, zionism, ZioNists, ZOMBIES RITORNERANNO, Χριστιανική αίματος, одно только, ԱՅՐԷՍ, Արգենտինա, בדם נוצרי,  Nel mondo

Informazioni su noahnephilim

MENE ♛ TECHEL ♛ PERES ♚ BURN Satana in Jesus's name! amen ] BURN Satana in Jesus's name! amen ] tutto quello che tu hai quì? è cattivo! BURN SATANA IN JESUS'S NAME! VIENI FUORI MAIALE! quando ti sei riempito il cervello di demoni e di merda... chi ti libera da tutta questa TRIBOLAZIONE? dove il tuo verme non muore e dove il tuo fuoco non si consuma! tu sarai spazzato via! li hai collezionati tutti i demoni: "bravo" a loro appartieni, ora schiavo! tu sei fango.. fango bollente disperazione totale, infinite malattie e tribolazioni! e cenere incandescente! INFESTRAZIONE OPPRESSIONE, POSSESSIONE, DISGRAZIA, FUNERALE, CAPITOLAZIONE, DISASTRO, OPERAZIONE INTESTINALE, METASTASI, SFORTUNA, MALEDIZIONE, MALEFICIO, SUPPURAZIONE INFEZIONE, CANCRENA, CANCRO... ECC... DA UN CIMITERO DEVI USCIRE? ED IN UN CIMITERO TU DEVI ENTRARE DEFINITIVAMETNE! AMEN! WELCOME in my holy JHWH holy! This is Faith that give the victory it has conquered the world; the Our Faith! 1 Giov 54 [ MENE TECHEL PERES ] PAXCSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB "Drink your poisons made by yourself". Rei Unius King Israel Mahdì C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo I.V. B. Ipsa Venena Bibas Bevi tu stesso i tuoi veleni. + In nomine Patris et Filii et Spiritui Sancto Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Precedente aborto e le adozioni gay Successivo Netanyahu ipocrita e assassino